Archiviato il 2018 con la settima vittoria nel mondiale per club, l'anno nuovo di Santiago Solari si è aperto nel peggiore dei modi. Dopo il pareggio con il Villarreal, il Real Madrid ha infatti perso clamorosamente in casa contro la Real Sociedad in occasione della partita valevole per la diciottesima giornata del campionato spagnolo. Una batosta che lascia i "blancos" a dieci punti dalla capolista Barcellona (vittoriosa fuori casa con il Getafe e campione d'inverno), e che riapre una crisi mai veramente superata dopo l'esonero di Lopetegui.

La nona sconfitta stagionale nella Liga, arrivata contro un avversario che non vinceva al Bernabeu da più di dieci anni e che aveva perso le ultime nove in casa delle Merengue, è maturata dopo una gara nella quale i padroni di casa sono andati subito sotto (rigore realizzato dai baschi dopo neanche due minuti di gioco), hanno creato molto e si sono visti voltare le spalle dall'arbitro e dal Var per un rigore solare negato a Vinicius: in campo dal primo minuto per le assenze di Bale, Asensio e Mariano Diaz.

Il Barcellona sorride

Con il passare dei minuti la contestazione si è così fatta ancor più pesante. Già fischiati prima dell'inizio del match, tecnico e giocatori si sono presi altri fischi nel corso della gara nonostante l'impegno e la sfortuna che ha accompagnato il Real Madrid fino al palo colpito da Lucas Vazquez e fino all'espulsione dello stesso giocatore di Solari: uscito dal campo per doppia ammonizione e strappandosi di dosso la maglietta dopo una crisi di nervi.

Di fronte ad un avversario iellato e in grave difficoltà, la Real Sociedad si è invece difesa con ordine e ha saputo piazzare il colpo del ko a sette minuti dal termine con Ruben Pardo, sfiorando addirittura il tris nel recupero con Willian Jose. Davanti al Real Madrid, non hanno però saputo fare di meglio Siviglia e Atletico Madrid. Dalla sfida tra le prossime avversarie europee di Lazio e Juventus (terminata 1-1), è infatti uscito vincitore soltanto il Barcellona di Leo Messi: sempre più solitario in testa alla Liga e campione d’inverno con una giornata di anticipo.