È la notizia del giorno, la bomba che ha sconquassato gli equilibri del calcio europeo e posto fine al dominio, durato 1.011 giorni, del Real Madrid in campo continentale. L’Ajax dei ragazzi terribili, degli sfrontati ragazzini s’è fatto grande e, sotto la guida del tecnico Ten Hag, ha violato il ‘Bernabeu’ per 4-1 rendendo indigesto il 117esimo anniversario della sua nascita al club più titolato al mondo.

E lo ha fatto con i suoi giovani, col suo proverbiale gioco, con entusiasmo, freschezza ed una faccia tosta, irriverente, che attrae ed affascina tanti. L’Ajax piace, diverte ed è costellato da una serie di giovani che, ora, hanno un valore altissimo e sono finiti nel mirino delle big del calcio mondiale. E, pure, dei nostri top team con Juventus e Napoli sulle tracce di De Ligt, centrale dai piedi d’oro, e Dolberg, bomber in erba. Qui, valore di mercato dell’intera rosa, dei prospetti più interessanti e dei due elementi sui taccuini di Giuntoli e Paratici.

Valore di mercato, l’Ajax vale quasi 370 milioni di euro

Partiamo da una semplice considerazione, anche per meglio dettagliare il modello Ajax, la cantera, l’under 21 dei Lancieri, vale 14.1 milioni di euro. Insomma, quanto una squadra di Serie B italiana con diversi profili già pronti a dare il cambio a questa generazione di portenti che hanno ricondotto i biancorossi nell’alveo delle migliori otto d’Europa 22 anni dopo. È una evoluzione continua, una palestra di vita e di calcio, una fucina di calciatori sempre pronti a crescere, esordire in prima squadra, fare bene e poi andare altrove. Una politica sempre uguale ma leggermente modificata negli ultimi anni con i dirigenti degli olandesi, spesso, a cercare in giro per il mondo, e non solo nel proprio vivaio, giocatori in grado di elevare il livello della rosa. Ed in questa ottica vanno letti i recenti arrivi di Tagliafico (4 milioni di euro), di David Neres (12 mln), di Tadic (11.4 mln), di Ziyech (11 mln), di Blind (16 mln) o di Magallan. Tutti, o quasi, giunti ad Amsterdam negli ultimi due anni e non tutti giovanissimi. La musica sembra leggermente cambiata ma i talenti in rosa sono comunque tantissimi e, ora sì, più vari per nazionalità e derivazione. Talenti esemplari, che maturano e che, oggi, specie all'indomani della presa di Madrid, portano alto il valore complessivo della formazione di scena all'Amsterdam Arena a quota 368 milioni di euro.

Valori alle stelle, De Ligt e De Jong in testa

E all’interno di questi 368 milioni di euro ci sono quattro, cinque calciatori che, per attuale quotazione di mercato, spiccano su altri. Ed il portale Transfermarkt.it, riconoscendo la spina dorsale della squadra, vede in De Ligt (65 milioni di euro), nel regista De Jong (60 mln), peraltro già opzionato per 75 milioni di euro dal Barcellona, nel portiere Onana (28 mln) e negli esterni Neres (25 mln) e Ziyech (35 mln) gli interpreti in maglia biancorossa più forti e ‘apprezzati’ dell’intero team. Circa 213 milioni dei 368 totali provengono, infatti, da questo pokerissimo con questi talenti, dalla media età di 21.9 anni, richiesti da mezza Europa. E, come detto, pure dalle italiane. Juventus e Napoli in primis.

Tutto su De Ligt, la Juve ci prova. Roma su Ziyech, Napoli su Dolberg

Ieri, la consacrazione per tanti. Su tutti Tadic, per il quale ci sarebbe stato, specie in passato, un interessamento della Roma, ma anche per De Ligt e De Jong. Ma se quest’ultimo ha già pronte le valigie per il prossimo anno, il centrale della nazionale orange ha convinto tutti, ma proprio tutti. Pure il Barcellona che, oggi, si aggiunge alla lunga lista di pretendenti per il ragazzo. Una lista con l’Arsenal, l’Atletico Madrid e proprio la Juventus di Allegri. Che, ora, temendo di perderlo prova ad alzare la posta per lui. Specie per ringiovanire un pacchetto arretrato che, ovviamente, non può continuare solo con Bonucci  e Chiellini in età calcistica avanzata. Si parte da una base d'asta di 65 milioni di euro.

Il Napoli, invece, che ha di recente pescato fra le fila dell’Ajax per rinforzare i propri ranghi, vedi Milik o Younes, tenta la punta Dolberg per garantire ampiezza e profondità al reparto e strappare ai Lancieri il bomber in erba, prima della sue definitiva esplosione. Occorrono però, almeno, 17 milioni. La Roma, infine, prova sempre ad attrarre nella sua orbita l’esterno offensivo Neres o il trequartista Ziyech ma le prestazioni europee, al momento, sembrano allontanare la capitale dal futuro di questi due campioncini. I loro cartellini, al di là dei market value di base, stanno salendo verso vette siderali.