Un colpo alla Gonzalo Higuain come ai tempi di Rafa Benitez. Un colpo a effetto di quelli in grado di riscaldare la piazza e restituirle quell'entusiasmo scemato nella scorsa stagione quando, dopo l'eliminazione dalla Champions, il Napoli sembrò ‘accontentarsi' solo di preservare il piazzamento in Coppa. Un colpo pesante da regalare a Carlo Ancelotti che ha scontato l'anno di transizione e ha fatto richieste precise al presidente, De Laurentiis, perché la prossima squadra (al netto delle possibilità economiche) sia un po' più sua. Oltre Mauro Icardi, il nome che più stuzzica la fantasia dei partenopei al momento è uno in particolare: James Rodriguez, alias il ‘bandito' colombiano del Real Madrid, spicca nelle ultime notizie in tempo reale sulle possibili trattative. Ventisette anni, numeri da funambolo sudamericano efficace ma non lezioso, il classico calciatore top in grado di offrire quel salto di qualità che in Europa è necessario e in Italia è decisivo se vuoi lottare alla pari per lo scudetto con la Juventus e l'Inter.

Con Ancelotti la grande stagione di James al Real Madrid

Si può fare, ha fatto sapere l'ex Bayern Monaco – vi ha giocato in prestito per 2 stagioni – forte anche della stima nei confronti dell'attuale allenatore azzurro. Fu proprio sotto la sua gestione che, tra le fila delle merengues, il campionato post Mondiale 2014 si rivelò foriero di soddisfazioni per James: 17 gol e 18 assist all'ombra di Cristiano Ronaldo lo resero un punto fermo dei blancos. Poi l'incantesimo s'è rotto e Rodriguez è finito nel cono d'ombra. In Germania hanno scelto di non esercitare il diritto di riscatto fissato a 42 milioni di euro. Nella capitale iberica sono pronti ad accoglierlo di nuovo per rimetterlo sul mercato per fare cassa.

Ingaggio e stipendio, quanto può costare Rodriguez agli azzurri?

Quanto occorre per trattare con Florentino Perez? I 42 milioni sono una base di partenza modulabile a seconda della piega che prendono l'eventuale trattativa e gli accordi: ovvero scegliere di pagare il cartellino in un'unica soluzione oppure versare una cifra più alta (vicina ai 50 milioni) ma in maniera dilazionata, senza trascurare la possibilità di replicare la formula adottata dai bavaresi (prestito oneroso con diritto di riscatto). C'è un altro aspetto da considerare, lo stipendio da corrispondere James Rodriguez: quello attuale è di 6.5 milioni di euro netti a stagione in virtù di un contratto in scadenza nel 2021. Una data che può agevolare da un lato l'exit-strategy a somme abbordabili e dall'altro spingere il Napoli a offrire al colombiano un accordo più lungo sì da spalmare la mole dell'ingaggio (non meno di 5 milioni a stagione, oltre ai bonus).

Cosa ne sarà di Lorenzo Insigne nel caso il ‘bandito' arrivasse in azzurro

L'arrivo di James Rodriguez impone, però, un'altra riflessione: cosa fare di Lorenzo Insigne? Il Napoli può permettersi di avere in rosa calciatori che aumenterebbero il livello del monte ingaggi e le spese complessiva a bilancio? Per adesso non ci sogno segnali differenti al riguardo rispetto alla permanenza del #24 azzurro e della Nazionale ma nella luna estate delle trattative tutto può accadere.