Nella rosa di Ole Gunnar Solskjaer c'è un giocatore con la faccia triste. A poche ore dalla prima di campionato (contro il Chelsea di Lampard) e salutato Romelu Lukaku, uno di quelli che voleva appunto lasciare il Manchester United, ad essere rimasto controvoglia nei Red Devils ora c'è Paul Pogba. Il francese campione del mondo, che sogna di poter un giorno raggiungere Zinedine Zidane al Real Madrid, rischia infatti di rimanere momentaneamente blindato ai cancelli dell'Old Trafford. Il tutto per la rabbia del suo agente Mino Raiola.

"Dopo tre anni a Manchester credo che per me sia meglio cercare una nuova sfida da qualche altra parte", aveva dichiarato pochi giorni fa Paul Pogba. La voglia di sbarcare in Spagna dell'ex Juventus, rischia però di rimanere tale. Il mercato inglese si è infatti chiuso poche ore fa, e per tutti i club è dunque ormai impossibile fare operazioni in entrata. Sarà quindi improbabile che il Manchester United ceda alle tentazione madrilene di Pogba, senza avere in casa un valido sostituto per la stagione che sta per cominciare.

L'offerta di Florentino Perez

Non è dunque bastata l'ultima proposta che Florentino Perez aveva fatto recapitare in Inghilterra. Per il ventiseienne transalpino, il patron delle merengue aveva infatti messo sul piatto 30 milioni di euro più il cartellino di James Rodriguez. Un'offerta giudicata non sufficiente dagli uomini mercato del club di Old Trafford, che avevano inizialmente richiesto per il francese ben 160 milioni di euro. Di fronte alla situazione attuale dei Red Devils (che hanno tentato di sostituirlo con le operazioni ‘last minute' per Eriksen e Bruno Fernandes), Pogba è dunque destinato a rimandare a data da destinarsi il suo viaggio. La Spagna e Madrid, almeno per il momento, rimangono solo un bel sogno. Irrealizzabile.