Aggiornamenti sul referendum in Catalogna
4 Ottobre 2017
14:31

Piqué: “Non lascio la Spagna e con Ramos saremo soci in affari”

Il difensore del Barcellona, indipendentista convinto, fiero della proprie radici, nega contrasti con il connazionale del Real Madrid e respinge le critiche: “Non ho nulla contro la Spagna e sono orgoglioso di indossare la maglia della nazionale. Rispetto chi come Nadal pensa che non abbiamo il diritto di votare. Ognuno ha la sua opinione”.
A cura di Maurizio De Santis

Non lascia la nazionale spagnola e smentisce contrasti con Sergio Ramos. Gerard Piqué, catalano, indipendentista convinto, fiero della proprie radici fa spallucce ai fischi che gli sono piovuti addosso (è da sempre nel mirino dei tifosi iberici, in particolare quelli madrileni) e tira diritto per la sua strada. Non abbassa il capo. Non si china a chi lo vorrebbe rintanato in un angolo per le sue dichiarazioni alla vigilia del referendum in Catalogna.

Non lascio la Nazionale. Farlo significherebbe dare ragione a chi mi fischia, non gliela darò vinta. Sono indipendentista ma non ho nulla contro la Spagna e poi non esiste una selezione catalana.

pique nazionale catalana
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggiornamenti sul referendum in Catalogna

Il difensore del Barcellona, compagno della pop-star sudamericana Shakira, parla dal ritiro delle Furie Rosse radunate le gare di qualificazione al Mondiale di Russia 2018. Il pass è già al sicuro, il primo posto nel girone dell'Italia (con gli Azzurri battuti nello scontro diretto del Bernabeu) ha spianato la strada verso la Coppa da tempo.

Se battiamo l'Albania saremo qualificati e dobbiamo concentrarci solo su questo. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo e spero di vincere più titoli possibili.

E' dura parlare solo di vicende sportive quando quelle extra-calcistiche hanno preso il sopravvento e creato una frattura profonda, alimentato l'ondata di emotività popolare per quelle immagini che hanno fatto il giro del mondo nel giorno della consultazione.

Da 15 anni considero questa squadra una famiglia, essere chiamato in nazionale è sempre stato il massimo e mi fa male che questo venga messo in dubbio. Io rispetto la gente come Nadal che pensa che non abbiamo il diritto di votare. Ognuno ha la sua opinione. Con i compagni continuo a parlare anche con chi la pensa diversamente da me e siamo arrivati alla conclusione che le cose possono risolversi. Ora dobbiamo solo pensare a vincere per il bene della Spagna.

Inevitabile il riferimento a Sergio Ramos, centrale del Real Madrid che nelle ultime ore ha manifestato chiaramente la propria posizione pubblicando su Instagram una foto che lo ritrae in primo piano mentre sullo sfondo c'è la Spagna unita sotto le insegne della Spagna. Piqué sgombra il campo da ogni contrasto.

Quello che si dice di Sergio Ramos è una menzogna – ha aggiunto il difensore catalano, come riportato dal giornale La Vanguardia -. Assieme costituiamo una difesa molto forte e a chi dice che non andiamo d'accordo dico che  saremo partner in un business che ho proposto.

"Liberate Puigdemont": Barcellona in rivolta, scontri in piazza con la polizia
Ue sul mandato d'arresto a Puigdemont: è affare dei giudici
Ue sul mandato d'arresto a Puigdemont: è affare dei giudici
89 di askanews
Catalogna, Puigdemont si consegna alla polizia belga: attesa per la decisione del giudice
Catalogna, Puigdemont si consegna alla polizia belga: attesa per la decisione del giudice
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni