Un'ira di Dio. Ivan Perisic si è reso protagonista in Inter-Chievo 5-0 di una prova stratosferica. Ha cantato e portato la croce l'esterno croato, realizzando una tripletta che gli permette di arrivare a quota 7 gol in Stagione. Bastano questi numeri a confermare quanto, il calciatore cercato in estate dallo United, sia diventato decisivo per un'Inter prima della classe in attesa della super sfida in casa della Juventus in programma nel prossimo turno.

Perisic show contro il Chievo, il croato esalta l'Inter

Momento eccezionale quello di Perisic, che dopo il rendimento altalenante della scorsa annata ha trovato quella continuità necessaria per aspirare al ruolo di top player di una squadra tornata molto competitiva. Ai microfoni di Premium Sport, nell'immediato post-partita di Inter-Chievo 5-0, il classe 1989 ha sottolineato la forza del gruppo, più dei suoi meriti in una giornata indimenticabile: "Come ho detto tante volte non è tanto importante chi fa gol, l'importante è sempre la squadra: siamo sulla buona strada e dobbiamo continuare così".

L'esterno croato lancia la sfida alla Juventus

Dopo la vittoria della Juventus in casa del Napoli, adesso grazie al successo del Meazza, l'Inter si è ripresa la vetta solitaria della Serie A. Ora gli uomini di Spalletti potranno scendere in campo allo Juventus Stadium da capolista nel prossimo confronto diretto. Perisic lancia la sfida ai bianconeri: "A Torino da primi? Aspettiamo da quasi due anni questo momento, ora dobbiamo andare a giocare con la Juventus per fare un buon risultato e, come sempre, per vincere".

Spalletti decisivo per la permanenza di Perisic all'Inter

E pensare che nella scorsa estate, Perisic sembrava destinato all'addio, destinazione Manchester United. Alla fine però la trattativa con i Red Devils si è conclusa con un nulla di fatto, anche grazie a Spalletti che ha convinto il croato a restare in nerazzurro per provare a fare qualcosa di grande. E le premesse sembrano essere buone: "Spalletti uomo in più? Ha detto che tutti sono importanti e lo abbiamo visto oggi, c'erano dall'inizio 2-3 che non giocavano tanto e oggi hanno fatto una buona partita come tutta la squadra. Sono contento e dobbiamo continuare così, è stata una buona vittoria. Spalletti è stato importantissimo per convincermi a restare".