Al calcio, ha dichiarato di preferire "l’asado e la birra" e sicuramente la musica. Pablo Daniel Osvaldo ha deciso di appendere le scarpette al chiodo perché quello del calcio non era più il suo mondo, dedicandosi a tempo pieno al rock, con la sua band ‘Barrio Viejo’. Difficile però dimenticare le tante avventure sui campi di calcio, sudamericani e europei per l'ex bomber che alla sua maniera è tornato a parlare del "pallone". Su Twitter infatti, Osvaldo ha detto la sua sull'utilizzo del VAR, dimostrando di non essere assolutamente d'accordo con l'introduzione della moviola in campo.

Osvaldo attacca il VAR su Twitter.

L’ex calciatore di Atalanta, Lecce, Fiorentina, Bologna, Roma, Juve e Inter sul suo profilo Twitter ufficiale si è lasciato andare ad un commento assai colorito sull'utilizzo del VAR sui campi di calcio. Questo il cinguettio del classe 1986: "A me date il bar, il VAR è nefasto! Ridateci il calcio grossi figli di p…". Osvaldo dunque preferisce magari una birra in compagnia degli amici, comodamente seduto al bar parlando di calcio, piuttosto che le discussioni sul VAR.

L'addio al calcio di Osvaldo.

E dietro quelle parole pesantissime, destinate ai vertici del calcio mondiale, c'è tutta la "filosofia" di Osvaldo che con una scelta di vita ha deciso di abbandonare con ampio anticipo i terreni di gioco per dedicarsi alle sue passioni principali. Queste le parole pronunciate poche settimane fa: "L'addio al calcio? Troppo gossip e non mi sentivo libero nemmeno di uscire. Mi sono anche arrivate offerte interessanti dalla Cina e da qualche club che gioca la Champions ma quello del calcio non era più il mio mondo. E mi sono chiesto cosa volessi realmente: al denaro preferisco l'asado e una buona birra".

Le polemiche sul VAR.

Parole che alimentano dunque ancora una volta la polemica sul VAR e sul suo utilizzo. In Serie A, gli ultimi episodi in Lazio-Torino e Fiorentina-Samp di Coppa Italia, hanno causato non poche polemiche con la dirigenza capitolina e il mister blucerchiato Giampaolo che hanno esternato tutta la loro perplessità sull'utilizzo del mezzo tecnologico. Uno strumento che a quanto pare non ha azzerato le polemiche, sulla strada che porta al Mondiale di Russia, con il VAR che ne diventerà l'assoluto protagonista.