Dietro all'Ucraina nel gruppo 1 della lega B di Nations League comincia a farsi vedere la Repubblica Ceca. Dopo la sconfitta in casa, nella prima partita giocata con la formazione di Shevchenko, la Nazionale del commissario tecnico Jaroslav Šilhavý (arrivato a settembre al posto di Karel Jarolím) ha infatti vinto a Trnava il "derby" con la Slovacchia. A decidere la sfida contro Hamsik, autore del gol del momentaneo pareggio, è stata ancora una volta l'attaccante della Roma Patrik Schick.

Sul 2 a 1 finale, pesa infatti il secondo gol consecutivo con la sua nazionale del giallorosso: entrato al 73esimo e bravo a colpire di testa e a battere il portiere avversario dopo soli tre minuti dal suo ingresso in campo. Un successo pesante per la Repubblica Ceca, che ora si trova alle spalle della capolista Ucraina a meno tre punti.

Una rete pesante

Ancora in attesa di segnare il suo primo gol stagionale con la squadra di Eusebio Di Francesco, l'ex punta della Sampdoria ha dunque trovato conforto con la maglia della sua nazionale: "Questa è una vittoria molto importante per noi e per la classifica del girone – ha commentato Schick, al termine della gara – Possiamo ancora pensare al primo posto. Il gol? Skriniar non mi ha visto, ero perfettamente in linea e ho segnato un bel gol. Non ero arrabbiato per non essere partito titolare, io sono sempre pronto. Quando sono entrato in campo, volevo aiutare la squadra e ho segnato".

Il prossimo impegno per la Repubblica Ceca è quello dell'OSK Metalist Stadion di Kharkiv. Tra qualche giorno Schick e compagni avranno la possibilità di agganciare la vetta del girone proprio grazie allo scontro diretto con l'Ucraina, prima della gara di ritorno di Praga contro la Slovacchia: fissata per il prossimo 19 novembre.