296 CONDIVISIONI

Mondiali 2014, Howard para tutto e diventa l’idolo del web e degli Usa

Il portiere che in passato ha combattuto con la Sindrome di Tourette rientra tra i protagonisti del Mondiale 2014 e i tifosi Usa lo vorrebbero addirittura come segretario della difesa sui social netowrk.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Marco Beltrami
296 CONDIVISIONI
Immagine

Dal “Mondiale dei gol”, al “Mondiale degli episodi”, dal “Mondiale dei numeri 10” al “Mondiale dell’imprevedibilità”. Sono già tante le definizioni attribuite a Brasile 2014, kermesse iridata che ha confermato le aspettative in termini di spettacolo ed emozioni. Tra queste è impossibile non considerare anche quella di “Mondiale dei portieri”. Da Ochoa del Messico, a Claudio Bravo del Cile, da Eneyama della Nigeria a M’bolhi dell’Algeria, da Courtois del Belgio a Neuer della Germania fino a Tim Howard degli Stati Uniti. Il portierone della Nazionale degli Usa è diventato un vero e proprio “eroe nazionale” dopo il match contro il Belgio: l’estremo difensore dell’Everton con interventi decisivi a ripetizione ha chiuso la porta ai talentuosi giocatori avversari, fino ad arrendersi senza colpe nei supplementari a De Bruyne e Lukaku che hanno permesso alla squadra di Wilmots di volare ai quarti di finale. Una serata magica per l’ex Manchester United al punto tale che i tifosi sui social network si sono scatenati con celebrazioni e fotomontaggi per esaltare le prodezze del portierone. Addirittura c’è chi ha proposto la candidatura di Howard a segretario della difesa degli Stati Uniti, dopo che il numero 1 ha superato il record di parate confermando le sue doti.

La carriera di Howard, portiere capace di segnare anche un gol

Classe ’79 Tim Howard è diventato con il passare degli anni uno dei portieri più affidabili del palcoscenico internazionale. Cresciuto calcisticamente nei North Jersey Imperials, e poi nei New York MetroStars, l’estremo difensore approda in Europa nel 2003 al Manchester United. In 3 stagioni alterna super prestazioni a qualche leggerezza di troppo costringendo i Red Devils a cederlo all’Everton. E con la maglia dei Toffee Man si consacra in Premier League rendendosi protagonista anche di un gol il 4 gennaio 2012 quando con un lungo rinvio superò il portiere avversario del Bolton portando in vantaggio i suoi.

Howard e la Sindrome di Tourette

Il nome di Howard è inevitabilmente legato alla sindrome di Tourette, la malattia neurologica con cui ha dovuto fare i conti soprattutto negli anni passati. La sindrome infatti si manifesta con attacchi improvvisi d’ira, tic e pulsioni incontrollate a proferire parole volgari, o ripetere quanto detto da altri interlocutori senza riuscire a fermarsi. Un problema accusato da Howard soprattutto in giovanissima età e che con il passare degli anni è stato attutito anche grazie a terapie specifiche. Nel 2001 il portiere è stato insignito infatti con il MLS Humanitarian of the Year, un premio conquistato grazie all’impegno nei confronti dei bambini che soffrono della Sindrome di Tourette.

296 CONDIVISIONI
Un calciatore di Serie A va all'allenamento in tram: è Saba Sazonov del Torino
Un calciatore di Serie A va all'allenamento in tram: è Saba Sazonov del Torino
In Inghilterra gli arbitri spiegheranno le decisioni prese al VAR in campo: parleranno in tempo reale
In Inghilterra gli arbitri spiegheranno le decisioni prese al VAR in campo: parleranno in tempo reale
Chi era Carlo Castellani, il bomber che si sacrificò per salvare suo padre dai nazisti
Chi era Carlo Castellani, il bomber che si sacrificò per salvare suo padre dai nazisti
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni