Ci ha messo poco a prendersi il Milan, cancellando il ricordo di Gonzalo Higuain. Tutti pazzi per Krzysztof Piatek, che dal momento del suo arrivo in rossonero nell'ultima finestra di calciomercato invernale, non ha fatto altro che segnare. Numeri impressionanti quelli dell'ex Genoa che grazie ai 6 gol segnati in 5 partite da titolare è riuscito a fare meglio di tutti i suoi più illustri predecessori al Milan.

Krzysztof Piatek e l'impatto al Milan, ha fatto meglio dei leggendari bomber rossoneri

Krzysztof Piatek è il nuovo idolo dei tifosi rossoneri, sempre pronti ad accompagnare con il coro "pum pum pum" la speciale esultanza del Pistolero. Impatto eccezionale con la maglia del Milan per l'erede di Higuain, pagato 35 milioni di euro. Finora, il centravanti ex Genoa ha realizzato 6 gol in 5 partite, andando sempre a segno quando è stato schierato in Serie A, ovvero in 3 occasioni. Solo Mario Balotelli nel 2013 è riuscito ad eguagliare il bilancio di Piatek che finora ha fatto meglio di vere e proprie leggende del passato come Van Basten, Weah, Shevchenko, Ibrahimovic, Bierhoff e Inzaghi, come evidenziato da Sky Sport.

Superati Marco Van Basten, George Weah e Oliver Bierhoff

Marco Van Basten ha avuto un impatto positivo in quello che poi è diventato il suo Milan. 5 gol in 5 partite per il cigno di Utrecht, andato a segno sempre in Coppa Italia nel 1987 contro Bari, Como, Monza (doppietta). Stessi numeri per George Weah, che nel suo inizio di avventura in rossonero realizzò sempre 5 reti in altrettante partite bucando Pescara in Coppa Italia, Zaglebie Lubin in Coppa Uefa e Padova e Roma (doppietta) in Serie A. Con loro c'è anche Oliver Bierhoff, che nelle sue prime uscite con la casacca del Diavolo trovò la rete contro Torino, Lazio, Bologna (doppietta), Salernitana.

Piatek stacca Inzaghi e Ibrahimovic

Più staccato, seppur di una sola lunghezza Pippo Inzaghi che dopo aver lasciato la Juventus ebbe un impatto con i rossoneri contraddistinto da 4 gol in 5 partite (contro Fiorentina, Udinese e Lazio dopo digiuno a Brescia, e a chiudere la rete in Coppa al Bate). Come Superpippo, anche Zlatan Ibrahimovic, che continua a segnare oltreoceano con la casacca dei Galaxy (gol contro Lazio, Genoa e doppietta all'Auxerre). A chiudere questa particolare rassegna il secondo marcatore di sempre nella storia del Milan, ovvero Shevchenko. L'ucraino si presentò in rossonero con 2 gol in 5 partite. E pensare che poi ne avrebbe realizzati complessivamente altri 173