Per il Milan è un momento splendido dal punto di vista dei risultati (tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro partite ufficiali), ma molto complicato a livello fisico. Caldara starà fuori tre mesi, Biglia addirittura quattro. Gonzalo Higuain è in dubbio per il match con la Juventus, ha saltato il Betis. Nel match contro gli spagnoli si sono infortunati anche Musacchio e Calhanoglu, e pure Kessié è uscito malconcio dal campo. Per Gattuso sarà davvero complicato fare la formazione domenica prossima.

Lo scontro tra Musacchio e Kessié

Quando mancavano una decina di minuti alla fine di Betis-Milan, c’è stato un terribile scontro di gioco tra Kessié e Musacchio. I due giocatori crollano, l’ivoriano si rialza quasi subito, l’uruguagio invece resta a terra, le telecamere staccano, non fanno vedere il replay, ma si vedono bene le espressioni dei calciatori di entrambe le squadre che sono molto preoccupati. Musacchio viene messo sulla barella e soprattutto è immobilizzato e tra gli applausi esce dal campo.

Le prime notizie in arrivo sono confrontanti, perché il calciatore pare si sia rimesso in piedi, ha effettuato la doccia e con relativa calma andrà in ospedale per gli accertamenti. Dunque preoccupazione sì, ma moderata. Al termine dell’incontro lo svizzero Rodriguez parlando del compagno ha detto: “Musacchio è un giocatore importante, a noi fa male vedere quelle immagini. In questo momento abbiamo già tanti infortunati, ma vediamo cosa succede, non so come sta”.

Problemi anche per Calhanoglu

Gattuso nel dopo partita non si è voluto sbilanciare sulle condizioni degli infortunati, inclusi Calabria e Bonaventura che sono rimasti a casa. Kessié è uscito acciaccato, mentre ha un problema al collo del piede il tedesco Hakan Calhanoglu, che ha saltato più di una partita nelle ultime settimane. Anche l’ex Leverkusen è a rischio per la sfida con la Juventus, in programma domenica sera. Gattuso sarà costretto a proporre un altro Milan.