Il Milan pareggia 1-1 con il Betis a Siviglia, ringrazia Suso, ma dovrà giocarsi tutto nelle ultime due partite. Qualificarsi non è affatto impossibile, ma i rossoneri non possono più sbagliare. Il Betis ha 8 punti, il Milan e l’Olympiacos, che ha vinto 5-1 con il Dudelange, ne hanno 7. Tra tre settimane la squadra di Gattuso sfiderà i lussemburghesi.

Lo Celso punisce ancora Pepe Reina

All’andata i rossoneri sono stati battuti dal Betis, da quel dì sono arrivate tre vittorie consecutive per i rossoneri, che sono quarti in classifica. A Siviglia Gattuso effettua un discreto turnover, in buona parte obbligato considerate le assenze di Higuain, Biglia, Caldara e Castillejo, fuori anche Donnarumma e Romagnoli. Rodriguez nel terzetto difensivo, in avanti Suso e Cutrone. Il Betis parte fortissimo e al 12’ è già in vantaggio. Joaquin dà il là all’azione, Junior Surpo semina terrore e serve un bel pallone all’argentino Lo Celso che come all’andata batte Reina, 1-0. Il Milan soffre, rischia due volte di incassare un altro gol, Reina viene graziato due volte, soprattutto da Sanabria. I rossoneri in tutto il primo tempo non riescono mai a calciare verso la porta di Pau Lopez, il terzo portiere della nazionale spagnola.

Magia di Suso e pari del Milan

Il Milan non ha margine e ha l’obbligo (almeno) del pareggio, perché l’Olympiacos ha chiuso il primo tempo sul 4-0 con i lussemburghesi del Dudelange. I rossoneri ritornano in campo terzi nel girone. Gattuso si fa sentire sicuramente negli spogliatoi e dà la carica soprattutto a Suso, fresco di riconvocazione con la ‘Roja’ di Luis Enrique. L’esterno con il suo classico tiro a giro prova a sorprendere Pau Lopez, che vola e manda in angolo. Al 61’ il numero 8 del Milan con una punizione splendida non lascia scampo a Pau Lopez, il Milan trova il pareggio.

Il tremendo infortunio di Musacchio

Il Milan dopo il pari ci prova solo una volta in contropiede, le occasioni migliori le ha il Betis con Guardado e Tello, stoppato da Reina. A dieci dal termine c’è stato un tremendo impatto tra Kessié e Musacchio, nello scontro ha la peggio il giocatore sudamericano che esce in barella. Finisce 1-1, per il Milan è un buon punto.