Milan fuori dalle Coppe europee per la stagione 2019/2020. A rendere ufficiale la notizia è la sentenza del Tas, con sentenza pubblicata sul proprio sito, con la quale è stato sancito il provvedimento nei confronti dei rossoneri. Decisione che è l'effetto del ‘consent award', l'accordo trovato nelle settimane scorse con lo stesso club italiano. Dal comunicato, si evince come i due trienni monitorati dalla Uefa – il 2014/17 e il 2015/18 – siano stati accorpati sotto un'unica sanzione. Cosa accade adesso nella classifica di Serie A? Si scala tutto di una posizione: assieme alla Lazio sarà la Roma a partecipare direttamente al sorteggio della fase a gironi di Europa League mentre toccherà al Torino prendere parte ai preliminari (25 luglio e 1 agosto) sfidando la vincente di Debrecen-Kukesi.

Cos'è il Consent Award e in cosa consiste

Il ‘consent award' è una sorta di moneta di scambio a margine del patto fatto dal Milan nel corso della riunione avvenuta qualche settimana fa con i membri della Camera giudicante della Uefa in materia di Fairplay finanziario. Una situazione complessa quella dei rossoneri a causa della situazione debitoria lasciata dalla precedente proprietà cinese. In base all'intesa raggiunta, la società rossonera ha sostanzialmente sacrificato la propria presenza nella prossima edizione della Europa League con un periodo di tempo più lungo per raggiungere il pareggio di bilancio in precedenza fissato per la stagione 2020/2021.

La sentenza del Tas sull'esclusione del Milan dalle Coppe

La Corte Arbitrale dello Sport (CAS) ha emesso un Consent Award sulla base dell'accordo raggiunto tra AC Milan S.p.A e Union of European Football
Associazioni (UEFA) in merito alle violazioni dei Regolamenti UEFA in materia di Fairplay Finanziario da parte del club italiano. L'accordo delle parti è il seguente (testo integrale):

  • La decisione emessa dalla Camera giudicante del Controllo finanziario del club UEFA Organismo nella causa AC-05/2018 del 20 novembre 2018 (vale a dire la decisione impugnata nel CAS 2018 / A / 6083 materia) è accantonato.
  • La decisione emessa dalla Camera d'inchiesta del Controllo finanziario dei club UEFA Organismo il 10 aprile 2019 (vale a dire la decisione impugnata nel caso CAS 2018 / A / 6261) è accantonata.
  • Le decisioni di cui ai punti 1 e 2 sopra-indicati sono sostituite dal seguente ordine: "Il Milan è escluso dalla partecipazione alle competizioni UEFA per club dello sport
    stagione 2019/2020 come conseguenza della violazione degli obblighi di pareggio di FFP durante i periodi di monitoraggio 2015/2016/2017 e 2016/2017/2018″.
  • La commissione giudicatrice dell'organismo di controllo finanziario dei club UEFA è invitata a rilasciare a Ordine procedurale, riconoscendo l'esito del presente arbitrato (s) e che chiude il procedimento AC-01/2019 relativo al monitoraggio 2016/2017/2018 periodo, che è diventato oggetto di discussione
  • Le spese del procedimento CAS 2018 / A / 6083 e CAS 2019 / A / 6261 sono a carico di AC Milan.
  • Ciascuna parte sopporta le proprie spese.