Dopo la pesante sconfitta nel derby, per il Milan è arrivata anche la beffa del pareggio contro la Juventus. Il rigore realizzato al 90esimo da Cristiano Ronaldo ha così negato ai rossoneri una vittoria meritata, ma anche alimentato le inevitabili polemiche per la decisione dell'arbitro Valeri: protagonista di una conduzione di gara discutibile. A poche ore dalle parole post gara di Pioli ("Sono orgoglioso della mia squadra, di altre cose un po' meno"), anche Hakan Calhanoglu si è sfogato sul suo profilo Instagram.

Autore di una buona partita contro i campioni d'Italia, il giocatore turco ha infatti pubblicato una ‘stories' sul suo profilo Instagram dove ha messo vicino il fotogramma dell'azione del rigore concesso alla Juventus e quello non assegnato al Milan nell'aprile scorso in occasione della trasferta allo Stadium, quando proprio un cross dell'ex Bayer Leverkusen venne deviato in area juventina da Alex Sandro: un episodio che l'arbitro Fabbri non punì con il penalty. Un fotomontaggio al quale il milanista ha poi aggiunto un ‘no comment‘, con tanto di ‘applauso' virtuale al direttore di gara.

Le parole di Maldini

In attesa di tornare in campo a San Siro contro il Torino, nel ‘Monday Night' della 24esima giornata di campionato, il Milan si lecca dunque le ferite dopo una settimana nella quale ha giocato due buone partite e raccolto pochissimo: "Siamo soddisfatti della prestazione, la squadra ha tatto una grandissima partita – ha spiegato Paolo Maldini dalla zona mista del ‘Meazza' – Meritavamo la vittoria, ma contro una squadra come la Juventus di grande qualità può succedere. Delusi per il risultato, ma negli occhi rimane la prestazione".

"Dopo il derby, abbiamo visto una gara ancora migliore. In questa squadra è cambiato lo spirito, non si può dire nulla. L'arbitraggio? Bisogna andare a vedere se sul rigore ci sono indicazioni date nei casi come il nostro – ha aggiunto l'ex capitano – Dopo una partita del genere preferisco non parlare dell’arbitro, ma soffermarmi sulla prestazione della squadra. Le squalifiche per il ritorno? Abbiamo tanti giocatori, a Torino ne avremo undici".