Reduce dall'impegno con la Nazionale Under 21 di Gigi Di Biagio, Patrick Cutrone rientrerà a Milanello nei prossimi giorni per prepararsi alla delicata trasferta di Genova contro la Sampdoria. Nell'attesa, il suo nome continua ad essere presente nelle ultime voci di mercato del Milan. Complice l'arrivo di Piatek, ed il conseguente poco spazio nell'undici titolare di Gattuso, il ventenne attaccante rossonero è finito nel mirino di diverse squadre non solo italiane.

A mettersi sulle tracce del giocatore cresciuto nella giovanili del Milan, sono infatti arrivate Lazio, Torino, Fiorentina, Tottenham, Borussia Dortmund e Atletico Madrid. Un corteggiamento che sta dunque facendo vacillare Cutrone: da sempre tifoso rossonero e grande idolo del popolo di San Siro. Dopo le prime indiscrezioni, è però sceso in campo il suo procuratore.

Le parole di Giovanni Branchini

"Non abbiamo mai pensato di fare le valigie – ha dichiarato Giovanni Branchini alla Gazzetta dello Sport – Sono false tutte quelle voci di accordi con altri club, in particolare quelli con il Torino. Non abbiamo parlato con nessuno e non sono in programma contatti neanche per il futuro. Patrick è assolutamente concentrato sul Milan, spera di poter dare il massimo contributo per la qualificazione in Champions League e per la conquista della Coppa Italia".

Sotto contratto con il Diavolo fino al 2023 con un ingaggio di circa 1,1 milioni a stagione, Cutrone è dunque ad un bivio fondamentale della sua carriera. Le prossime settimane saranno infatti decisive per chiarire quelle che sarà il suo futuro. Lui vorrebbe rimanere in quella che è da sempre la sua squadra del cuore, ma la voglia di giocare, le sirene di mercato e la possibile decisione del Milan di sacrificare un suo gioiello per far cassa e rientrare nei parametri del Fair Play Finanziario potrebbero cambiargli totalmente la vita.