Spesso e volentieri ha riservato "carezze" a Leo Messi, ma questa volta Diego Armando Maradona ha deciso che forse per il bene del suo pupillo è meglio uno "schiaffo" ben assestato. Stuzzicato sul futuro della "Pulce" nella nazionale argentina, il Pibe ha perso la pazienza con parole tutt'altro che piacevoli per colui che spesso e volentieri è stato considerato come il suo erede.

Perché Messi non può giocare nell'Argentina, l'attacco di Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, neoallenatore dei messicani del Dorados, è tornato a parlare di Leo Messi prima della vittoria in amichevole sul campo del Tijuana. La grande gloria argentina è intervenuta al programma "L'ultima parola" sulla catena Fox e pur confermando di ritenere la stella del Barcellona il migliore del mondo insieme a Cristiano Ronaldo ha speso parole molto critiche nei suoi confronti: "Messi? Per me è difficile parlarne, ma è inutile ritenere leader un uomo che va 20 volte in bagno prima prima di una partita. Messi è Messi quando gioca nel Barcellona ed è uno normale quando gioca con l'Argentina".

Maradona non convocherebbe Leo Messi in nazionale

Il riferimento di Maradona dunque è anche ai misteriosi conati di vomito di Messi in occasione di determinate partite, a conferma della sua fragilità. Dopo il flop mondiale, il numero 10 è alle prese con un momento di pausa in nazionale. Ma se Diego Armando Maradona diventasse il nuovo ct dell'Albiceleste, convocherebbe Leo Messi? La risposta è perentoria: "Non chiamerei Messi, anche se mai dire mai, ma dobbiamo togliergli pressione, dobbiamo ritrovare il leader che vogliamo che Messi sia".

Messi concentrato solo sul Barcellona

Un intervento che sicuramente Leo Messi non gradirà. Il campione argentino, reduce da un'altra mancata convocazione in nazionale è concentrato esclusivamente sulla sua avventura al Barcellona. Il suo nome è finito al centro di un'indiscrezione relativa alla possibilità di svincolarsi a zero dal club catalano nel 2020 in caso di trasferimento in un club non “d’elité”. Una situazione che potrebbe spingere il club catalano a mettere sul piatto un rinnovo del contratto a vita per in giocatore che in Argentina sperano comunque di rivedere presto in nazionale