Quaranta milioni di euro. Questo è il prezzo fissato dal Psv per Steven Bergwijn: 21enne attaccante esterno, cresciuto ed esploso con la maglia del club di Eindhoven. Di lui sentiremo parlare molto nella prossima estate anche in Italia, dove sono almeno tre i club che hanno posato gli occhi su di lui: Inter, Milan e Napoli. Convocato dalla Nazionale olandese per il match con la Germania, valevole per per le qualificazioni a Euro 2020, Bergwijn ha però attirato su di sé anche le attenzioni di mezza Europa.

Secondo il quotidiano olandese De Telegraaf, sul giocatore del Psv Eindhoven (che molto probabilmente giocherà contro i tedeschi nel match di domani sera ad Amsterdam) sono attive anche Liverpool, Tottenham, Manchester United, Bayern Monaco e Borussia Dortmund: tutte pronte a fiondarsi su uno dei prospetti più interessanti del calcio olandese.

Le parole del padre/agente

Dotato di grande fisico, velocità e di un buon dribbling, Bergwijn è un'ala sinistra in grado di far male. Non solo con gli assist (già 13 in stagione tra Eredivisie e Champions League), ma anche con i gol: al momento 12 tra campionato olandese ed Europa. Passato dall'accademia giovanile dell'Ajax, è arrivato ad Eindhoven nel 2011 all'età di 14 anni e ha esordito in prima squadra nel 2014, in occasione della sfida di Coppa d'Olanda vinta dal PSV fuori casa contro l'Almere City.

"No, non ho sentito di alcun interesse per mio figlio – ha spiegato qualche mese fa il padre/agente di Bergwijn – Ma in realtà non stiamo nemmeno cercando di partire. E se il Psv decidesse di venderlo lo scopriremo solo in estate. Dall'Italia nessuno mi ha mai contattato e voglio chiarire che Steven non sta cercando di lasciare il Psv. È molto grato per ciò che il club ha fatto per lui. Ha firmato un contratto di tre anni con il Psv e lo ha esteso di un altro anno fino al 30 giugno 2022".