Oltre a spostare decine di milioni di euro, il calciomercato a volte regala storie davvero suggestive. L'ultima è quella di Radja Nainggolan. Il centrocampista belga, al termine di una stagione deludente all'Inter, ha infatti deciso di ascoltare il suo cuore e di tornare in Sardegna dopo cinque anni dalla sua partenza per Roma. Per il club sardo, ma soprattutto per la tifoseria, si tratta di un colpo di mercato che va al di là dell'aspetto tecnico, perché dalle parti di Asseminello (il centro sportivo rossoblu) l'affetto per Nainggolan c'è sempre stato.

In un video prodotto dallo stesso club di Tommaso Giulini, il giocatore ha così voluto invitare un messaggio toccante al popolo cagliaritano: "La vita è un viaggio e come ogni viaggio arriva il momento in cui cercare un porto sicuro. E' lì che decide il cuore e il mio appartiene al Cagliari e alla Sardegna, alla famiglia rossoblù. Con questa maglia addosso sono cresciuto, ho lottato e ho sofferto. Adesso sono pronto per nuove battaglie. Sono tornato a casa, la mia casa".

La felicità di Tommaso Giulini

In attesa della conferenza stampa e della presentazione alla Sardegna Arena, la città ha già riabbracciato quel giocatore che ha vestito la maglia rossoblu dal 2010 al 2014. "Il “Ninja” è tornato a casa: ha ascoltato il cuore, ha scelto di riabbracciare il popolo rossoblù – si legge nel comunicato che la società sarda ha pubblicato sul suo sito internet – Quella gente che lo aveva accolto, adottato come un figlio e per questo mai dimenticato".

Ad accoglierlo a braccia aperte ci sarà ovviamente anche l'artefice di questo sogno: il presidente Giulini. "La sua volontà è stata tutto in questa trattativa – ha spiegato il patron rossoblu ai microfoni di Rai Sport – Abbiamo iniziato a parlarne quando discutevamo di Barella ma lui era ancora convinto di poter convincere Conte e restare all’Inter. Era molto orgoglioso ed è servito un po’ di tempo, ma i dialoghi sono continuati e siamo riusciti a portare a termine la cosa. Siamo contenti di accogliere un campione così a Cagliari".