Dopo aver castigato in campionato Lazio, Napoli e Milan, Mario Mandzukic ha sbrigato con un suo gol anche la difficile pratica Inter. Il centravanti croato, tornato in piena forma dopo la distorsione alla caviglia, è stato infatti "l'hombre del partido" contro i nerazzurri e ha confermato l'assoluta importanza del suo gioco all'interno della rosa bianconera di Massimiliano Allegri: tecnico che difficilmente fa a meno del suo trentaduenne attaccante.

I gol di "Super Mario", uniti alla sua grande generosità e alla sua straordinaria applicazione nello schema tattico juventino, hanno così suggerito alla dirigenza piemontese un possibile prolungamento del contratto del croato: attualmente in scadenza nel 2020. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, Fabio Paratici avrebbe dunque in mente di proporre all'entourage del giocatore un rinnovo per altre 2/3 stagioni, con una riduzione dell'ingaggio a 3 milioni di euro di parte fissa più bonus.

L'applauso di Allegri

La decisione della società campione d'Italia, oltre a togliere Mandzukic dal mercato, darebbe così al giocatore la suggestiva opportunità di legarsi alla vecchia signora fino a fine carriera. Un'idea che potrebbe intrigare non poco l'ex Bayern Monaco: autore di quattro gol nelle ultime cinque partite. Il ventinovesimo centro in Serie A, arrivato alla 15esima giornata, dà tra l'altro a "Super Mario" la possibilità di superare il suo record di gol personali (10) messo a referto nel campionato 2015/16.

A godere delle reti e della classe dell'ex stella della Dinamo Zagabria è soprattutto Massimiliano Allegri, che anche nel post gara con l'Inter ha elogiato pubblicamente la sua punta: "Mario è un grande attaccante – ha spiegato a Sky il mister bianconero – Lui non a caso era il centravanti del Bayern che vinse il triplete, e da quando ha lasciato la Germania il Bayern non ha più vinto in Europa. E' uno di quei giocatori che incidono sempre, anche nelle giornate storte".