Il "tormentone" Maurizio Sarri è vicino ai titoli di coda. L'ex allenatore del Napoli è infatti vicinissimo a liberarsi dal Chelsea e a firmare con la Juventus. Come riferito da Sky, le due società hanno trovato l'intesa per l'indennizzo: un accordo economico che sarà un po' inferiore [circa 4 milioni, una parte fissa e una variabile] a quei sei milioni di euro che i Blues versarono l'anno scorso al Napoli, e che prevede una parte fissa e una variabile legata agli eventuali successi di Sarri in bianconero.

Quando ci sarà la firma con la Juventus

Le prossime ore saranno dunque decisive per il futuro del mister di Figline Valdarno, che già nella giornata di venerdì dovrebbe firmare la risoluzione con la società di Roman Abramovich e all'inizio della prossima settimana firmare per tre anni con il club campione d'Italia.

Martusciello vice allenatore in bianconero

Insieme a lui, alla Continassa arriverà anche Giovanni Martusciello: già vice dello stesso Sarri ad Empoli, e nella passata stagione a fianco di Luciano Spalletti sulla panchina dell'Inter. Mentre Calzona, vice di Sarri a Napoli, potrebbe entrare nello staff di Marco Giampaolo al Milan.

La mossa decisiva di Paratici con il Chelsea

La difficile trattativa, di cui si è parlato molto nei giorni scorsi, si è definitivamente sbloccata grazie all'intervento di Fabio Paratici: volato personalmente a Londra per seguire personalmente la vicenda con il braccio destro di Abramovich, Marina Granovskaia, e l'intera dirigenza del Chelsea. L'approdo di Maurizio Sarri alla Juventus, darà la stura infine le trattative della Juventus: inevitabilmente in stand by a causa del ritardo nella scelta del successore di Massimiliano Allegri.

Sul tavolo degli operatori di mercato bianconeri, ci sono infatti diversi nomi già valutati dalla dirigenza. Ora toccherà al sessantenne tecnico napoletano, pronto a concedersi anche qualche giorno di vacanza a San Benedetto del Tronto, decidere quali saranno i profili adatti per il suo sistema di gioco. Tra i giocatori in ballo ci sarebbe anche Mauro Icardi: attaccante che potrebbe però rimanere chiuso dall'eventuale ritorno a Torino di Gonzalo Higuain, uno dei fedelissimi di Maurizio Sarri.