La stagione della Juventus è entrata nel vivo con le prime partite decisive. Dopo il pareggio interno con il Tottenham, la formazione di Massimiliano Allegri è infatti attesa dalla partita a Torino con l'Atalanta di Gasperini e da due trasferte insidiose come quella di Roma (dove affronterà la Lazio) e quella di Londra per il ritorno degli ottavi di Champions League. In occasione del ritorno in campo in campionato, il tecnico bianconero potrà però disporre di Blaise Matuidi e Mario Mandzukic.

I due giocatori, che hanno lavorato insieme ai compagni nel centro sportivo di Vinovo, sono ormai completamente recuperati dal problema muscolare e dall'influenza. Nell'undici titolare contro la Dea, il francese e il croato potrebbero dunque partire dal primo minuto e mettere minuti nelle gambe in vista della doppia trasferta.

L'orgoglio di Allegri

Se contro l'Atalanta in attacco si dovrebbe rivedere dal primo minuto Paulo Dybala, altrettanto non si può dire per Gonzalo Higuain: uscito malconcio dall'ultimo derby. L'attaccante argentino ha lavorato ancora a parte, dando anche segnali positivi di miglioramento. La sua presenza è però ancora in dubbio e verrà decisa soltanto nelle prossime ore. A saltare la sfida con i bergamaschi, saranno invece Juan Cuadrado, Mattia De Sciglio e Federico Bernardeschi.

Infortuni e recuperi a parte, l'umore a Vinovo è alto dopo il successo nel derby. Dopo alcune critiche ricevute al termine del match con il Tottenham, Allegri ha gonfiato il petto di fronte alla vittoria contro il Torino e mandato un messaggio forte ai suoi detrattori: "Con i granata abbiamo fatto una grande partita e sono orgoglioso dei ragazzi e di allenare questo gruppo – ha spiegato il tecnico – Nelle difficoltà ci siamo divertiti. Ora guardiamo avanti con fiducia".