Si ferma anche Mattia De Sciglio. Alla ripresa degli allenamenti la Juve prende atto dell'ennesima cattiva notizia quanto a infortuni. Dopo due giorni di riposo concessi da Allegri in seguito alla vittoria nel derby, il report medico dei bianconeri spiega le cause dello stop del difensore. "Non ha partecipato all'allenamento a causa di un trauma distrattivo alla coscia sinistra riportato nel corso del derby: dopo il primo controllo strumentale, si attendono ulteriori verifiche che verranno effettuate nei prossimi giorni".

In attesa di nuovi e approfonditi controlli a cui si sottoporranno Higuain e Bernardeschi, il tecnico deve fare i conti anche quest'altro inconveniente in vista della gara di domenica prossima contro l'Atalanta. Anche l0ex milanista salterà la sfida di campionato mentre non è del tutto certo il recupero per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League del 7 marzo, contro il Tottenham. Tra tante note stonate ce n'è qualcuna positiva: si tratta del rientro in gruppo di Mandzukic e Matuidi, entrambe ristabiliti dai rispettivi acciacchi. E proprio il ritorno dell'attaccante croato potrebbe spingere il tecnico a prediligere il 4-2-3-1 con i bergamaschi: in tal caso Dybala e Douglas Costa giocherebbero alle spalle dell'ex Bayern. Difficile ipotizzare che Dybala agisca da falso nove mentre Alex Sandro potrebbe essere impiegato da esterno.

Senza Federico Bernardeschi e senza Juan Cuadrado, con il Pipita costretto al riposo in previsione della Coppa, Allegri non ha molte alternative a disposizione: ovvero, confermare la posizione di Alex Sandro quale attaccante (come accaduto durante il derby coi granata) oppure concedere una chance alla Joya (ipotesi quest'ultima meno probabile considerata la necessità da parte dell'argentino di rimettersi in sesto dopo oltre un mese di stop).