Come sta Paulo Dybala? Quali sono le condizioni dell'argentino costretto a saltare la partita contro l'Empoli? Il problema muscolare manifestatosi a pochi minuti dal fischio d'inizio è preoccupante? Calma, prendete fiato e lasciate la ragione tenga a bada l'ansia per l'argentino il cui stop s'è aggiunto agli infortuni di Cristiano Ronaldo (che resta in dubbio per l'andata dei quarti di finale di Champions contro l'Ajax) e di Douglas Costa.

La Joya sta bene. E allora perché non ha giocato sabato pomeriggio? Ha avvertito quello che in gergo viene definito un ‘indurimento' al polpaccio durante la seduta di riscaldamento: quando il giocatore ha avvertito lo staff medico, d'accordo con Allegri si è deciso di non rischiare. Oltre al match coi toscani – ci ha pensato Kean a risolverlo – non ci sarà contro il Cagliari nel turno infrasettimanale di campionato. Considerato il largo vantaggio in classifica sul Napoli secondo non serve mettere a repentaglio risorse preziose in questa fase così delicata della stagione e con la Coppa alle porte. Perché quello l'unico, vere obiettivo dei bianconeri decisi ad arrivare fino al Wanda Metropolitano con la speranza di sollevare il 1° giugno – sotto il cielo di Madrid – quel trofeo che manca da più di vent'anni.

Ce la farà per il Milan? Sì. Almeno queste sono le indicazioni che filtrano dall'ambiente bianconero apparso abbastanza sereno rispetto all'acciacco che ha frenato Dybala. In occasione della gara col Milan dovrebbe essere disponibile, che poi Allegri decida di schierarlo o meno, dall'inizio oppure a gara in corso, è questione che si affronterà tra una settimana. Per allora saranno più chiare le condizioni del calciatore.

Paulo ha ricevuto un colpo al gemello durante l'impegno con la Nazionale argentina – ha ammesso Allegri in conferenza stampa -. Mentre effettuava il riscaldamento ha avvertito un risentimento per quella contusione. Un indurimento del muscolo, ecco cosa ha avuto e per questo ho preferito che non giocasse.