Massimiliano Allegri ha aperto la conferenza stampa di Juventus-Empoli parlando di Cristiano Ronaldo. Quali sono le condizioni del portoghese finito ko in nazionale e quando tornerà in campo? L'allenatore dei bianconeri non vuole correre rischi e anticipare i tempi relativi al recupero di CR7 che sarà nuovamente a disposizione quando sarà al cento per cento, nella fase più calda della stagione.

Cristiano Ronaldo, come sta e quando torna in campo. Il punto di Allegri su CR7

Dopo la sosta per gli impegni delle nazionali, è tempo di tornare in campo per la Juventus che dovrà riscattarsi dopo il ko di Genova nel turno casalingo contro l'Empoli. Sicura l'assenza di Cristiano Ronaldo. La speranza di tutto l'ambiente bianconero è quella di recuperare il calciatore in vista dell'andata dei quarti di Champions contro l'Ajax. Allegri fa il punto della situazione: "Ronaldo rientrerà quando starà bene e non ci saranno rischi di ricaduta. Ha iniziato a muoversi un po' ma bisogna essere prudenti come in tutti gli infortuni. Meglio saltare una partita che star fuori due mesi anche perché siamo in una fase delicata della stagione. Lunedì ci sarà l'esame di controllo, poi da lunedì valutiamo. I rischi per il match d'andata con l'Ajax al momento ci sono, lo sa anche Cristiano e sa anche che se non sta bene sta fuori perché non posso rischiarlo per una partita". 

Juventus, la situazione degli infortunati. Allegri su Khedira, Cuadrado e Douglas Costa

A proposito dell'infermeria, alla vigilia di Juventus-Empoli Massimiliano Allegri ha fatto il punto della situazione sugli infortunati. Vicino il rientro di Douglas Costa, mentre bisognerà aspettare per Cuadrado e Khedira. Tutti e 3 sono stati esclusi dalla lista dei convocati per Juventus-Empoli: "Esami lunedì anche per Douglas Costa, in maniera tale che potrà riprendere a pieno ritmo per la Champions League. De Sciglio è a disposizione, Cuadrato lo sarà fra una settimana. Khedira? Vediamo la prossima settimana".

  • I convocati di Allegri per Juventus-Empoli: Szczesny, De Sciglio, Chiellini, Caceres, Pjanic, Dybala, Alex Sandro, Matuidi, Mandzukic, Kean, Bonucci, Cancelo, Pinsoglio, Perin, Emre Can, Rugani, Bentancur, Bernardeschi, Spinazzola, Nicolussi Caviglia.

Allegri difende Dybala dalle critiche

Non è stata una pausa per le nazionali positiva per Paulo Dybala, che ha incassato molte critiche per il suo rendimento in Argentina. Allegri difende la Joya: "Ho letto che Paulo è stato criticato in Nazionale. Abbiamo parlato, sa che sono mesi importanti perché la Juve ha bisogno del miglior Dybala e lui deve e sicuramente farà un grande finale di stagione. Quest'anno anche se ha fatto pochi gol è sempre stato importante, giocando e sacrificandosi, in questo momento qui tutti si aspettano molto e lui sicuramente farà molto di più", aggiunge Allegri in conferenza stampa alla vigilia del match con l'Empoli".

Kean sembra Messi o Ronaldo, Allegri predica calma

Diametralmente opposta la situazione di Kean reduce da due gol in altrettante partite in azzurro. Allegri però frena gli entusiasmi: "Ci vuole calma, un ragazzo giovane si costruisce passo passo. Kean ha fatto un gol con il Liechtenstein e sembra diventato Messi o Ronaldo. Spero che passi presto la sbornia mediatica intorno a lui, perché se poi a giugno contro Bosnia e Grecia non struscia un pallone diventa un brocco tutto insieme. Con i giovani serve equilibrio e vale anche per quelli più grandi di lui, che poi abbia le qualità del goleador è fuor di dubbio, ma da lì a essere un campione ce ne passa, con tutto il rispetto per lui. Come gli altri giovani ha bisogno di un percorso normale e io in qualche modo devo tutelarlo. Non perché sono bravo, ma perché so come sono fatti i giovani".

La formazione della Juventus contro l'Empoli, Bonucci a riposo

In conclusione una battuta sulla probabile formazione di Juventus-Empoli. Allegri annuncia l'assenza di Bonucci: "Ci sarà da giocare una partita seria e di rispetto per vincere, voglio una squadra tosta, voglio quella cattiveria che non c'è stata a Genova. Ci servono 5 vittorie. Riposerà Bonucci. Si tratta di una partita importante, ci sono tante partite da qui al 22 aprile. Non bisogna staccare la spina pensando di aver vinto il campionato, è un attimo a ritrovarti in un vortice. La sosta ed i 15 punti di vantaggio rischiano di farti staccare la spina mentalmente, ma dopo Genova eravamo tutti arrabbiati. In porta ci sara Szczesny. Domani è probabile che giochino Dybala, Mandzukic e Bernardeschi. Ho parlato con Paulo, sa che è un momento importante della stagione e che abbiamo bisogno di lui. Sono convinto che farà un grande finale di annata. Il rinnovo di Rugani? Ha fatto bene la società a rinnovargli il contratto. Anticipare la sfida contro il Milan? E' giusto che giochiamo quando ci dicono di giocare".