Dopo 4 scudetti, 4 Coppe Italia e una Supercoppa Italiana, Massimiliano Allegri è a caccia del decimo trofeo da quando è seduto sulla panchina della Juventus. Il tecnico livornese, che prima di trasferirsi a Torino vinse anche l'ultimo tricolore milanista proprio con Rino Gattuso in campo, ha analizzato la sfida contro il Milan nella consueta conferenza stampa della vigilia che si è svolta all'interno del King Abdullah Sports City Stadium.

"Sarà una grande notte e una grande partita e cercheremo di portare a casa questa coppa – ha spiegato il mister bianconero – Due le abbiamo perse ai rigori e una al 95esimo con la Lazio a Roma. In una partita secca i punti di differenza che ci sono in campionato non esistono e per noi sarà un bel test. La più grande qualità è quella di avere sempre avuto grande rispetto per gli avversari, altrimenti le partite non le vinci. Serve grande umiltà anche nella fase difensiva, come contro la Roma. Qualità che non dobbiamo perdere, per vincere e arrivare fino in fondo serve una grande difesa".

 

L'orgoglio di Allegri e il valore aggiunto di CR7

"Il campionato è un nostro obiettivo come tutte le competizioni, l'obiettivo è finire la stagione con più trofei in bacheca – ha aggiunto Allegri – Cristiano Ronaldo? Ha vinto quattro delle ultime cinque Champions e per noi è un valore aggiunto. Ma non dimentichiamo che anche la Juventus ha giocato due finali in quattro anni, contro le due squadre in quel momento più forti al mondo. E in tutte e due le situazioni la squadra si è ben comportata".

Durante l'incontro con la stampa, Allegri ha poi parlato dell'assenza di Mandzukic e del suo sostituto: "Con chi lo sostituirò? Con uno tra Douglas Costa e Bernardeschi. Dybala e Cristiano partiranno dal primo minuto. Non ho ancora scelto chi giocherà Cancelo o De Sciglio, stanno entrambi bene. Ci metteremo senza dare punti di riferimento, a turno bisognerà occupare l'area. Speriamo di non andare ai supplementari, un altro cambio importante può essere Kean davanti. Higuain? Mi aspetto un giocatore voglioso di riscattare la sconfitta di Milano. Gonzalo cercherà di fare una grande partita e noi dovremo limitarlo".