Missione compiuta. L’Inter batte 2-0 la Spal, resta a un punto dal Milan e mette pressione alla Roma, che lunedì sera è obbligata a vincere se non vuole perdere ulteriore terreno. Il diffidato Lautaro non è stato ammonito e nel derby domenica prossima ci sarà. I gol li hanno realizzati Politano e Gagliardini.

Gol annullato a Lautaro, infortunio per Brozovic

Spalletti cambia abbastanza l’Inter. Il diffidato Skriniar riposa, lo slovacco rifiata prima del ritorno con l’Eintracht e il derby con il Milan, Perisic non è al meglio e va in panchina, giocano Dalbert, Joao Mario e Gagliardini fuori dalla lista Uefa, Asamoah nella batteria dei trequartisti. Solito 3-5-2 per la Spal con Petagna e a sorpresa Floccari di punta. La squadra di Semplici parte bene e fa la partita, l’Inter non trema, ma non è vivissima, perché sente anche il brusio dei 60mila di San Siro. Il primo tempo si ravviva al 31’ quando Lautaro Martinez stoppa al volo e con un bel tiro batte Viviano. L’argentino festeggia, i tifosi nerazzurri pure, ma l’arbitro viene avvertito che il giovane bomber ha colpito il pallone con una mano. Calvarese rivede le immagini e annulla. Nel finale si fa male Brozovic, il croato sente una fitta, il problema è muscolare, il cambio immediato.

Politano e Gagliardini

Nel secondo tempo l’Inter si ripresenta con Ranocchia che subentra a Miranda, che ha riportato una frattura al setto nasale. La Spal non fatica troppo a tenere l’Inter che non riesce a creare gioco e non ha lo spunto giusto in zona gol. Serve una giocata, una magia e anche un po’ di fortuna, e tutte assieme piovono al 67’ quando segna Matteo Politano. Il tiro del giocatore scuola Roma è bello, ma senza la deviazione di Bonifazi forse Viviano non avrebbe preso gol. Dieci minuti arriva il raddoppio di Gagliardini che con un tiro preciso chiude la partita e realizza il terzo gol in campionato.