L'arrivo di Antonio Conte sulla panchina dell'Inter ha già dato i suoi frutti. La squadra nerazzurra, rispetto a quello dello scorso anno, si è infatti trasformata in una seria e temibile concorrente per la Juventus campione d'Italia in carica. Complice il crollo del Napoli, l'altra formazione partita in pole position per il titolo, ad oggi sono infatti soltanto Handanovic e compagni gli unici accreditati per spezzare il lungo dominio bianconero.

"Siamo ancora alla quattordicesima di campionato e vincere già quest'anno sarà difficile – ha però dichiarato Beppe Marotta, durante l'evento dedicato alla celebrazione dei 10 anni di alta velocità di Ferrovie dello Stato a Roma – La Juventus ha una ‘doppia squadra' fortissima e penso che ce la farà anche quest'anno".

La sorpresa di Marotta

Incalzato dal presentatore della serata, nonché tifoso juventino, Massimo Giletti, l'ad interista si è così rifugiato dietro la scaramanzia per rispedire al mittente la domanda sull'eventuale conquista del tricolore da parte della squadra di Antonio Conte. E proprio sull'impatto del mister salentino, Marotta ha ammesso di essere rimasto sorpreso anche lui: "Non mi aspettavo effetti così immediati da parte sua sulla squadra. Devo dire, comunque, che gli ingredienti della vittoria sono sempre gli stessi: grande cultura del lavoro, senso di appartenenza e competenza".

Lukaku pronto a sfidare Dzeko

In vista dell'impegno di stasera contro la Roma, il tecnico interista avrà probabilmente a disposizione Romelu Lukaku (colpito nelle ultime ore da un leggero attacco influenzale). Il belga sarà dunque in attacco insieme a Lautaro Martinez e di fronte (se riuscirà a recuperare) a Edin Dzeko l'attaccante che, secondo i piani di Conte, avrebbe dovuto fargli da spalla in questo campionato. Senza Sensi, Barella e Gagliardini, in mezzo al campo ci sarà infine la conferma per Borja Valero.