Archiviato momentaneamente il campionato con la vittoria sul campo dell’Empoli prima della sosta, in casa Inter è tempo di concentrarsi sul mercato. Marotta, Ausilio e tutta la squadra mercato nerazzurra è infatti già a lavoro sia per l’imminente sessione di riparazione che prenderà ufficialmente il via il 3 gennaio che per la campagna di rinforzamento in vista della prossima stagione. Ecco nel dettaglio come si sta muovendo il club meneghino in vista del mercato di riparazione.

Il FPF blocca tutto, da Kross al giovane Brazao si lavora per giugno

Come già annunciato, l’Inter in questa sessione invernale di mercato non avrà grandi spazi di manovra per quel concerne le entrate in quanto il Settlement Agreement firmato con l’Uefa e in scadenza il 30 giugno non concede grandi margini di manovra: se non vi sarà una cessione eccellente, sarà possibile solamente operare tramite prestiti con diritto di riscatto. Difficilmente dunque arriverà qualcuno di quei big come Luka Modric (33) o Toni Kross (28), o Diego Godin (32) che andrà in scadenza a giugno con l’Atletico Madrid, seguiti dai nerazzurri invece per la prossima sessione estiva.

Potrebbero dunque essere i giovani a movimentare questo mercato di gennaio in casa Inter: si lavora infatti sul giovanissimo difensore turco del Galatasaray Ozan Kabak (18), che ha una clausola rescissoria da 7,5 milioni di euro, sul quale però ci sono anche altre squadre come Roma, Lione e Manchester United. Ma anche ai centrocampisti italiani Sandro Tonali (18) del Brescia e Nicolò Barella (21) del Cagliari che però rappresenterebbero sempre investimenti in prospettiva e non dei rinforzi immediati. Lo stesso vale per il portiere brasiliano del Cruzeiro Gabriel Brazao (18) con i nerazzurri che vorrebbero chiudere l’operazione subito per 2,5 milioni di euro per poi lasciarlo in Brasile, in attesa che il giocatore ottenga il passaporto portoghese, fino a giugno.

La scheda di Kabak (fonte Transfermarkt)
in foto: La scheda di Kabak (fonte Transfermarkt)

Da Ranocchia a Miranda: chi può partire?

Mentre non si fa altro che parlare della possibilità da parte dell’Inter di sacrificare in estate Milan Skriniar per finanziare il proprio calciomercato, questo mese di gennaio potrebbe comunque essere importante quanto a uscite. Ma non per il belga Nainggolan che, malgrado le incomprensioni dell’ultimo periodo, dovrebbe restare a Milano dietro sponsorizzazione del proprio allenatore Spalletti e nemmeno per Perisic nonostante le sirene inglesi e spagnole per l’esterno croato. L’Inter però, potrebbe sfoltire la propria rosa e, soprattutto, dare una chance a chi, in questa prima parte di stagione, il campo non lo ha proprio visto.

Parliamo del centrale Andrea Ranocchia, richiesto dall’Empoli ma anche del verdeoro Miranda che, stando alle ultime dal Brasile, avrebbe voglia di ritornare in patria e lasciare Milano. Anche se il Flamengo, squadra più interessata al ragazzo, ha, almeno al momento, virato sull’ex obiettivo della Lazio Rodrigo Caio. Flamengo, infine, che potrebbe essere vitale per la questione Gabigol col club di Rio de Janeiro a chiedere in prestito annuale l’ex attaccante del Santos di rientro alla Pinetina l’8 gennaio prossimo (e che potrebbe immediatamente rifare i bagagli).

Come giocherebbe oggi

Al netto delle trattative che sono ancora in via di definizione ecco come giocherebbe oggi l’Inter di Luciano Spalletti:

  • Modulo 4-2-3-1: Handanovic; Vrsaljko, Skriniar, de Vrij, Asamoah; Brozovic, Vecino; Politano, Nainggolan, Perisic; Icardi.