Non andrà alla Juventus né si muoverà da Barcellona. Andrés Iniesta resta con la maglia blaugrana a vita. Il comunicato ufficiale del club catalano spazza via ogni dubbio, ogni chiacchiera di mercato, ogni presunto dissidio tra il calciatore e la società dopo oltre vent'anni nello stesso club. Molto più di una bandiera, il ‘mago' – com'è stato ribattezzato – è l'icona di un modello di calcio che ha spopolato in Europa, il simbolo di una tradizione vincente che ha saputo rinnovarsi accettando nuove sfide. La prossima è ricominciare tutto a 33 anni con ulteriori stimoli, prendendo per mano la squadra con l'obiettivo di riportarla sul tetto d'Europa.

Il futuro di Iniesta sarà ancora blaugrana. C'è accordo totale per prolungare quel contratto finora in scadenza a giugno di quest'anno. Una data che aveva collocato il calciatore tra i ‘parametri zeri' più interessanti considerato il rapporto qualità – prezzo. A Torino avevano drizzato le antenne ma dovranno mettere l'animo in pace, come testimonia lo stesso hashtag #ForeverIniesta che il Barça ha scelto per rilanciare la notizia dell'intesa finalmente raggiunta.

L'FC Barcelona e Andrés Iniesta hanno raggiunto un accordo per il rinnovo del contratto – si legge nella nota della società catalana -. La firma avrà luogo oggi alle 12.30 presso il Presidente Suñol Stage del Camp Nou. Poi, intorno alle 13, il presidente Josep Maria Bartomeu e il giocatore Andrés Iniesta saranno presenti in conferenza stampa nella sala Ricard Maxenchs del Camp Nou.

Iniesta, con 639 partite giocate, è il secondo giocatore nella storia del Barcellona per numero di presenze e assieme a Messi ha conquistato il maggior numero di titoli (30). Debuttò con la maglia blaugrana il 29 ottobre del 2002 e in 15 anni d'esperienza ha messo a segno 55 gol. Capitano dall'estate del 2015, Iniesta è un simbolo del Barcellona, uno dei prodotti della ‘cantera' che lo accolse a settembre 1996 quando aveva 12 anni.