Gli episodi da moviola, dal gol scaturito dall'azione di Bernardeschi al ceffone sul muso di Chiellini a Belotti, hanno catturato l'attenzione del pubblico nel corso del derby che ha consegnato alla Juventus la vittoria e i punti necessari per restare incollato al Napoli nella corsa scudetto. C'è, però, un altro aspetto sul quale va focalizzata l'attenzione e non attiene alle vicende sportive ma a quanto accaduto sugli spalti dell'Olimpico alla fine del match, quando il furore del tifo è ancora in preda all'adrenalina e ai bollenti spiriti di pochi facinorosi. Pseudo ultrà, gente che allo stadio nemmeno dovrebbe entrare e ti chiedi cosa c'entrino con una partita di calcio. Eppure sono lì e a giudicare da quel che accade vengono i brividi.

Il video shock viene registrato da uno degli spettatori presente nel settore di Curva e testimonia le immagini degli scontri. Una scena di violenza inaudita, folle, incredibile. Invece, è tutto vero. Nella sequenza videoclip si distingue un sostenitore bianconero che finisce addirittura per cadere dalla balaustra. Com'è ruzzolato giù? E' caduto da solo per imperizia o perché spericolato oppure è stato spinto da qualcuno? La dinamica non è del tutto chiara e pensare che possa essere stato ‘aiutato' a cadere nel settore sottostante è materia da lasciare agli inquirenti che dovrebbero identificare gli autori di quel gesto e bandirli a vita da qualsiasi manifestazione sportiva.

Un volo tremendo tra gli applausi della tifoseria avversaria, così viene accolto il tifoso malcapitato mentre a fare da corredo accessorio c'è il solito coro ‘uccideteli, uccideteli' e un bel po' di tifosi se le danno (o almeno ci provano) di santa ragione con le forze dell'ordine costrette a intervenire per mettere fine alla gazzarra scatenata dalle due fazioni. Ennesima macchia di un calcio, quello italiano, che ha perso la bussola da tempo.