https://www.sportmediaset.mediaset.it
in foto: https://www.sportmediaset.mediaset.it

Ci sono vittorie e vittorie. Quella contro la Grecia non ha permesso alla nuova giovane Italia di Roberto Mancini di strappare solo il pass per la fase finale di Euro 2020. Un trofeo "virtuale" per il gruppo azzurro è arrivato dai piccoli malati dell'Ospedale Bambin Gesù di Roma, ai quali i calciatori italiani hanno fatto visita prima del match dell'Olimpico. I giovanissimi tifosi infatti hanno esultato e gioito per il risultato ottenuto dalla Nazionale e hanno voluto ringraziare alla loro maniera i loro idoli. Come? Con un bel cartellone  negli spogliatoi in occasione della sfida successiva Liechtenstein-Italia, esposto poi nello spogliatoio di Vaduz.

Nazionale, quante emozioni nell'incontro con i bimbi del Bambin Gesù di Roma

La visita della Nazionale all'ospedale Bambin Gesù di Roma prima di Italia-Grecia ha lasciato il segno. Tanti i sorrisi e le emozioni regalate dai portacolori azzurri ai piccoli malati ricoverati che hanno vissuto una giornata indimenticabile e speciale. Da Acerbi che ha salutato uno per uno tutti i bambini, rischiando quasi di tornare in ritiro con il taxi, fino a Bonucci che si è fatto portavoce del gruppo, promettendo una vittoria. Vittoria che il commissario tecnico Mancini nell'immediato post-partita del confronto dell'Olimpico ha dedicato proprio a tutti i giovanissimi degenti ospitati nella struttura capitolina.

Il disegno dei piccoli malati del Bambin Gesù per gli azzurri nello spogliatoio per Liechtestein-Italia

Come ringraziare i giocatori dell'Italia per tutte le emozioni, i sorrisi e gli attimi indimenticabili condivisi? Con semplicità e spontaneità, come solo i bambini sanno fare. Ecco allora che in occasione del confronto successivo in casa del Liechtenstein, nello spogliatoio dell'Italia è comparso un cartellone (foto Sportmediaset.it) che recitava così: "Il vostro gol più bello è stato venire da noi in ospedale". Un messaggio che i piccoli malati del Bambin Gesù hanno voluto recapitare alla Nazionale, con tanto di firme di tutti i giovanissimi autori dello stesso. Un vero e proprio trofeo, per la nuova rappresentativa di Roberto Mancini, con i calciatori che d'ora in poi avranno uno stimolo in più per dare il massimo in campo. Le parole di Acerbi in occasione della sfida di sabato d'altronde non lasciano dubbi: "I bambini ci hanno lasciato i disegni nello spogliatoio, sono stupendi. Abbiamo vinto anche per loro".