L'Italia avrà un motivo in più per vincere con la Grecia nella sfida valida per le qualificazioni agli Europei 2020. Gli azzurri che con un altro successo staccherebbero il pass per la fase finale della rassegna continentale, vogliono regalare una grande gioia ai piccoli malati ricoverati all'ospedale Bambin Gesù. Leonardo Bonucci intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita, ha parlato della promessa fatta ai giovanissimi tifosi azzurra

Bonucci e la promessa della Nazionale ai piccoli malati del Bambin Gesù

Una promessa è una promessa. L'Italia contro la Grecia scenderà in campo anche per regalare un altro sorriso ai bambini ricoverati all'Ospedale Bambin Gesù di Roma. Leonardo Bonucci alla vigilia della partita ha parlato dell'incontro con i piccoli malati, con le tante emozioni provate: "Domani sarà una partita difficile e avremo bisogno dell'apporto del pubblico: ci metteremo il massimo dell'impegno, la gente sarà il nostro uomo in più, abbiamo il dovere di regalare una serata storica agli italiani. E poi abbiamo fatto una promessa ai bimbi dell'ospedale Bambino Gesù: per noi sono un esempio e vinceremo per loro".

L'emozione dell'incontro con i bimbi del Bambin Gesù, il racconto di Bonucci

Un incontro quello tra i giocatori azzurri e i giovanissimi tifosi che resterà nel cuore di tutti: "Quei momenti ci hanno regalato emozioni forti, contrastanti. Chi ha vissuto quei momenti sa cosa si prova vivere per giorni dentro certi reparti. Però è anche vero che i bambini sono il sorriso della vita, ci regalano forza e speranza. Ho visto sorridere bambini anche in situazioni difficili, per noi sono un esempio. Noi che ci troviamo davanti a episodi violenti, di fronte all'invidia, dobbiamo prendere esempio da loro. Se ne ho parlato con la mia famiglia? No, in certi momenti è giusto lasciar correre. Auguro a tutti di vincere le proprie battaglie".

L'Italia vuole vincere contro la Grecia e volare a Euro 2020

Contro la Grecia, in uno stadio Olimpico da "notti magiche" l"Italia farà tutto il possibile per conquistare l'ennesima vittoria e la matematica qualificazione alla fase finale di Euro 2020. Un risultato eccezionale per gli azzurri: "Ottenere il pass sarebbe emozionante perché nei dieci anni in cui ho vestito la maglia della Nazionale non abbiamo mai raggiunto un obiettivo con così largo anticipo. Questo vuol dire che abbiamo fatto un grande lavoro". La Nazionale ha ritrovato fiducia, entusiasmo e consapevolezza dopo un periodo buio, e Bonucci non può che esserne orgoglioso: "Ci abbiamo creduto, merito di Mancini che ha saputo darci idee giuste. Quando ti diverti in mezzo al campo tutto diventa più facile. E noi in campo ci divertiamo, ci riescono le cose che proviamo in allenamento. Con questa qualità giocare è bello, abbiamo riportato l'entusiasmo dopo la disfatta per la mancata qualificazione al Mondiale. La Nazionale ha ritrovato la sua identità di gioco".

Bonucci e il record di presenze

Contro la Grecia intanto soddisfazione personale per Bonucci che diventerà il decimo azzurro per presenze staccando Del Piero: "Sì, faccio la 92a partita. Quota 100? Eh, per arrivarci devo giocarle tutte da qui all'Europeo, dipenderà dal mister. I pochi giocatori della Juventus in Nazionale? Ovvio che l'esperienza che si fa in una grande squadra è diversa rispetto a squadra di rango inferiore, magari possiamo trovare difficoltà a livello esperienza. Ma il gruppo è consolidato, a prescindere dal club di appartenenza"