Quando gli hanno portato la torta di compleanno con 27 candeline accese Neymar non ha avuto dubbi nell'esprimere il desiderio prima di spegnere le fiammelle. Guarire quanto prima dall'infortunio che lo costringerà a saltare il confronto in Champions League con il Manchester United. Gli era successo contro il Real Madrid, è capitato di nuovo in questa edizione della Coppa. Una maledizione. Il brasiliano chiude gli occhi, prende fiato e lo soffia via assieme alla malasorte e all'ansia di queste settimane.

Per un atleta non è mai bello avere le stampelle – dice il campione sudamericano -. Il regalo che vorrei? Quest'anno desidero un nuovo metatarso per tornare a lottare in campo.

La rottura del quinto metatarso del piede destro lo ha messo fuori combattimento. Tutta colpa di un'entrata al limite del regolamento in Coppa di Francia. Tutta colpa anche sua e della capacità di irritare gli avversari (è l'accusa rivoltagli anche dallo Strasburgo) con giocate irridenti. Tutta colpa della sfortuna che sembra accanirsi nei confronti del giocatore nel momento clou della stagione. Il dominio del Paris Saint-Germain in Francia è assoluta, manca la consacrazione in Europa e – ironia della sorte – si troverà ad affrontare i Red Devils senza la sua stella più brillante (e costosa).

Meglio non pensarci e tuffarsi nella ‘notte rossa', il tema scelto dalla Red Bull a corredo della festa di compleanno organizzata in onore del brasiliano e del suo compleanno. Un appuntamento speciale al quale hanno partecipato compagni di squadra, familiari, fidanzata e molti altri ospiti vip. Al Pavillon Gabriel, quando è toccato a lui prendere la parola per ringraziare tutti, l'attaccante dei transalpini ha espresso tutta la propria tristezza per la situazione in cui versa. Tra gli ospiti, oltre alla fidanzata, alla madre e al figlio, c'erano anche compagni di squadra come Buffon, Verratti, Dani Alves, Mbappé e Cavani. Tra le star anche il dj Bob Sinclair, il cantante Wesley Safadao e il surfista Gabriel Medina.