Ennesima straordinaria serata del capitano argentino dell'Inter che risolve il match nel secondo tempo dopo aver sfiorato il gol in una clamorosa occasione nei primi 45 minuti. Sua la doppietta (13 gol in 13 gare) e i tre punti che regala a Spalletti per riprendersi il secondo posto in solitario alle spalle del Napoli. Un match complicato contro un'Atalanta ordinata e ben messa in campo che riesce a frenare ogni iniziativa interista. Per un'ora perchè Icardi si inventa due colpi di testa vincenti in 9 minuti e chiude il match.

Primo tempo: nessuna emozione.

Inter, per non perdere il treno Napoli.

Cercare di rispondere al Napoli scrollandosi di dosso la Juventus sconfitta a Genova. L'Inter contro l'Atalanta a San Siro prova la partita che segnerebbe la svolta della stagione perché darebbe continuità anche dopo la pausa per le Nazionali. Spalletti ci crede e proprone il solito undici titolare contro Gasperini che ritrova i migliori suoi giocatori e presenta una squadra sempre ordinata e motivata al punto giusto.

Icardi si divora un gol.

Non ci sono grandi emozioni nella prima parte del primo tempo. L'unica è di Icardi che riesce di forza e abilità a liberarsi sulla trequarti per presentarsi da solo davanti a Berisha che si supera: doppia parata del portiere orobico e risultato che resta inchiodato sullo 0-0. L'Inter fa la gara, l'Atalanta gestisce senza mai un affanno e mantiene alto il baricentro. Ingolfando la manovra interista sul nascere e provando a pungere sulle ripartenze.

Secondo tempo: ci pensa Icardi.

Icardi gol.

L'Inter parte con il piede sull'acceleratore per cercare di risolvere una gara che si è impostata su un binario morto e lo fa, ancora una volta, con Mauro Icardi: al 4′ è proprio il capitano interista a spizzicare di testa su corner pennellato da Candreva, alle spalle di Berisha la palla del momentaneo 1-0 dei padroni di casa che fa esplodere San Siro. Un colpo al volto per l'Atalanta che però prova a rimettere in piedi il match togliendo Ilicic per Petagna

Icardi – bis.

Ma l'Atalanta subisce anche il raddoppio 9 minuti dopo. Ancora lui, ancora Icardi, ancora di testa. L'azione si sviluppa sulla destra con un cross perfetto di D'Ambrosio per il proprio capitano che si infila tra le maglie della difesa orobica e brucia Berisha rimasto di stucco. Un uno-due da ko che non lascia scampo a Gasperini.

Finale tranquillo.

L'Inter addormenta la partita, Icardi sfiora in un paio di occasioni la possibilità di fare la tripletta personale e l'Atalanta cala alla distanza. Un successo fondamentale per l'Inter che riparte vincendo e riconquista in classifica il secondo posto in solitaria viste le sconfitte di Lazio e Juventus.