Game over Fischio finale: Inter-Atalanta 2-0

L'Inter batte l'Atalanta 2-0 grazie ad una bella doppietta di Mauro Icardi e conquista il secondo posto solitario in classifica, alle spalle della capolista Napoli

90' Standing ovation per Icardi, entra Eder

Spalletti concede la passerella a Icardi autore della doppietta vincente. Maurito lascia il posto a Eder raccogliendo la standing ovation di tutto il Meazza

83' Esce Candreva, entra Brozovic

Esce tra gli applausi Candreva. L'esterno offensivo lascia il posto a Brozovic. Spalletti abbraccia il calciatore uscente autore di una prova molto generosa. Poco dopo è il turno di Borja Valero che viene sostituito da Joao Mario

71' Handanovic dice di no a Petagna

Iniziativa di Petagna che prova a fare tutto da solo. Il centravanti però viene chiuso dall'uscita del portiere avversario che si rivela insuperabile chiudendogli lo specchio della porta.

Bis Nerazzurro Inter-Atalanta 2-0, raddoppio di Icardi

Ancora Icardi a segno per il 13° gol in altrettante partite. Gran cross dalla destra di D'Ambrosio per l'argentino che di testa anticipa il suo marcatore e batte nuovamente Berisha per la sua personale doppietta.

 

55' Entra Petagna per Ilicic

Gasperini corre ai ripari inserendo Petagna al posto di Ilicic. Il centravanti dovrà fare a sportellate con i difensori nerazzurri. Non una buona partita per lo sloveno.

Vantaggio interista Inter-Atalanta 1-0, Icardi in gol

Il solito Icardi sblocca il risultato al Meazza. Sugli sviluppi di un corner stacco aereo perfetto dell'argentino che beffa i difensori avversari e porta avanti l'Inter in una partita assai complicata.

 

48' Icardi ancora pericoloso

Ripartenza bruciante dell'Inter. Perisic mette un gran cross dalla sinistra per la testa di Icardi che svetta sui difensori atalantini e indirizza bene il pallone, troppo debolmente però per impensierire ulteriormente Berisha. Poco dopo primo giallo del match per Palomino.

Si riparte Al via il secondo tempo

Inizia il secondo tempo di Inter-Atalanta, non ci sono cambi, anche se molti giocatori della panchina dell'Inter hanno effettuato il riscaldamento.

Intervallo Fine primo tempo: Inter-Atalanta 0-0

Si chiudono i primi 45′ di Inter-Atalanta. Zero gol in una partita non entusiasmante. Padroni di casa più vicini al gol con Icardi che in un'occasione si è fatto ipnotizzare da Berisha. Atalanta ben messa in campo e organizzata, pericolosa solo con una conclusione di Hateboer

40' Contatto dubbio in area atalantina, proteste di Icardi

Contatto galeotto in area tra Toloi e Icardi. Grandi proteste del capitano dell'Inter e dei suoi compagni con Fabbri che fa proseguire. Il silent check del Var conferma la scelta del direttore di gara, nonostante la contestazione dei padroni di casa

26' Icardi, che occasione da gol

Borja Valero con un'invenzione di prima lancia Icardi. L'argentino di forza supera Tolomino e si presenta a tu per tu con Berisha che è bravissimo a dirgli di no. Poco dopo ancora Maurito non colpisce bene su un bel cross di un ispirato Candreva

18' Handanovic super su Hateboer

Handanovic salva l'Inter su un bel diagonale di Hateboer protagonista di un grande inserimento. Assist illuminante di Ilicic con un tocco d'esterno delizioso. Grande intervento del portiere sloveno.

9' Match molto equilibrato

Grande compattezza da parte di entrambe le squadre in questo avvio di partita. L'Inter prova a fare la partita, ma l'Atalanta si difende bene e cerca di ripartire con la velocità di Gomez che svaria su tutto il fronte offensivo. Tentativo da fuori di Gagliardini, e pallone in curva

Fischio d'inizio Inter-Atalanta, si parte

Atmosfera gradevole al Meazza per il derby nerazzurro tra Inter e Atalanta. Presenza di pubblico importante per la squadra di Spalletti (circa 55mila spettatori) che con una vittoria approfitterebbe del ko della Juventus scavalcando i bianconeri al secondo posto solitario. Dopo le formalità di rito tra i capitani delle due formazioni, è arrivato il momento di fare sul serio. Si parte

Così in campo Le formazioni ufficiali di Inter-Atalanta

95' Perde la Juve, per il Benevento 13esima sconfitta con il Sassuolo

Non basta il gran finale alla Juventus, che perde 3-2 con la Sampdoria (gol di Zapata, Torreira, Ferrari, Higuain, Dybala). Il Benevento fa 13. Altra sconfitta per i campani che sono sempre malinconicamente a zero punti, il Sassuolo ha vinto con un gol in pieno recupero. Fuori casa vince anche il Cagliari, 1-0 all'Udinese. Pareggiano 1-1 Spal e Fiorentina e Torino e Chievo.

93' Berardi sbaglia un rigore, Peluso segna al 93′: Benevento 1 Sassuolo 2

Finale incredibile a Benevento. Per un fallo di mani nettissimo l'arbitro decreta un rigore per il Sassuolo. Berardi, solitamente impeccabile, colpisce la traversa. Due minuti dopo sugli sviluppi di un corner segna Peluso, 2-1. Bucchi salva la panchina, il Benevento perde la 13esima partita consecutiva.

91' Rigore di Higuain e Dybala: la Juve accorcia: 3-2 Sampdoria

 

La Juve accorcia le distanze e segna due gol in tre minuti. Prima Higuain trasforma dal dischetto, poi Dybala fa 12 in campionato, con un gol dei suoi. Sampdoria 3 Juventus 2.

 

75' Federico Chiesa, la Fiorentina pareggia con la Spal

Di gran lunga il migliore dei suoi Federico Chiesa trova il gol a Ferrara e porta il match con la Spal sull'1-1. Gol importante per la Fiorentina, che come obiettivo avrebbe quello di superare in classifica il Milan.

 

79' Sampdoria 3 Juventus 0, gol di Ferrari

3-0 della Sampdoria, che chiude definitivamente i conti con la Juventus. Gol di Ferrari, altro splendido assist di Quagliarella. La Juve a Marassi finisce ancora al tappeto, la Sampdoria conferma di essere un'ottima squadra.

 

71' Rigore con il VAR per il Toro, Belotti sbaglia

Gobbi abbatte Belotti, l'arbitro lascia correre. Poi ricorre al VAR, che chiarisce le idee del direttore di gara che assegna il rigore. Dal dischetto il ‘Gallo' non è tranquillo, calcia male e sbaglia.

 

72' Raddoppia la Sampdoria, gol di Torreira alla Juventus

Gran gol di Torreira, raddoppia la Sampdoria con la Juve. L'uruguagio segna ancora in campionato e lo fa con tiro bellissimo, forse sporcato da Chiellini. 2-0 per i blucerchiati e Sampdoria che culla una vittoria che sarebbe importantissima.

 

65' Pareggio del Benevento, gol di Armenteros

Grande reazione del Benevento che subito riporta il match in parità. Ciciretti sugli sviluppi di un corner calcia fortisisimo, il pallone passa tra una selva di gambe. L'ultimo a toccare è lo svedese Armenteros, che ha un bel guizzo e segna il primo gol in Serie A.

 

62' Che errore del Benevento, gol del Sassuolo con Matri

Il Benevento è sotto di un gol e il gol se l'è quasi fatto da solo. Prova a ripartire con eleganza dal fondo la squadra di De Zerbi, ma sbaglia tutto, il Sassuolo recupera il pallone e serve Matri. Per il bomber è facilissimo segnare l'1-0.

 

50' Duvan Zapata, Sampdoria 1 Juve 0

A sorpresa Sampdoria in vantaggio sulla Juventus. Pallone splendido di Quagliarella che finisce, dopo un rimpallo, nei pressi di Duvan Zapata che sovrasta Lichtsteiner e con un colpo di testa preciso batte Szczesny. Gol pesantissimo del colombiano.

 

49' Joao Pedro, Cagliari avanti sull’Udinese

Bambola clamorosa della difesa dell'Udinese e vantaggio del Cagliari con Joao Pedro. I centrali di Delneri dormono, il portiere Bizzarri esce malisismo, ne approfitta il numero 10 dei sardi che realizza l'1-0 per i sardi.

 

45' Fine primo tempo

Solo tre gol nelle cinque partite in programma nel pomeriggio della 13a giornata di Serie A.

Questi i risultati: Sampdoria-Juventus 0-0; Benevento-Sassuolo 0-0; Spal-Fiorentina 1-0 (Paloschi); Torino-Chievo 1-1 (Hetemaj, Baselli), Udinese-Cagliari 0-0.

42' Spal-Fiorentina 1-0, gol di Paloschi

Spal in vantaggio, gol di Paloschi. La squadra di Semplici nel finale di tempo segna un gol pesantissimo. Viviani pennella su punizione, Felipe svetta colpisce di testa e colpisce il palo. Sul pallone si avventa Paloschi che è rapido e fa gol. Spal 1 Fiorentina 0.

 

33' Viviano si salva, con tanta fortuna, su Cuadrado

Lo 0-0 non si schioda a Marassi. La Juventus è realmente pericolosa per la prima volta poco dopo la mezz'ora con Cuadrado, che tira con una potenza inaudita. Viviano quasi spaventato da quella conclusione isitintivamente si volta, la palla schizza sulla sua schiena e finisce sulla traversa.

33' Paregga il Toro, gol di Baselli, è 1-1 con il Chievo

Il forcing dà i suoi frutti e il Torino riaggancia il Chievo. Splendido cross di Obi per la testa di Baselli, che fa un movimento perfetto e con un bel colpo di testa batte Sorrentino. Torino 1 Chievo 1.

 

27' Praet esce dopo un’entrataccia di Lichtsteiner

Il belga Denis Praet, uno dei tanti giocatori cresciuti tantissimo con Giampaolo, lascia il campo al 27′. Alza bandiera bianca l'ex Anderlecht, e lascia il posto a Linetty, perché non si è ripreso dopo un'entrata durissima di Lichtsteiner, che non è stata nemmeno sanzionata dall'arbitro.

14' Torino-Chievo 0-1, gol di Hetemaj

Meritatissimo vantaggio del Chievo. Hetemaj con un bel colpo di testa batte Sirigu. Il finlandese è bravo a inserirsi, sovrasta De Silvestri e con intelligenza batte Sirigu. Torino 0 Chievo 1.

 

1' Via

Iniziano Sampdoria-Juventus, Benenvento-Sassuolo, Torino-Chievo, Spal-Fiorentina e Udinese-Cagliari. I bianconeri vogliono vincere per non perdere contatto dal Napoli, che ieri ha sconfitto 2-1 il Milan. Cerca punti anche il Benevento, sempre battuto nelle prime 12 partite.

94' Crotone-Genoa 0-1, inizia vincendo Ballardini

Il Genoa torna a vincere e lo fa con Ballardini in panchina. A Crotone finisce 1-0, il match è stato deciso da un gol di Rigoni all'11'. Tre punti pesantissimi per i Grifoni che agganciano la Spal, superano il Sassuolo e si sganciano dal Verona. Le due squadre si ritroveranno tra una decina di giorni in Coppa Italia.

Così in campo Sampdoria-Juventus, le formazioni: fuori Dybala e Alex Sandro

45' Fine primo tempo

All'intervallo il Genoa torna negli spogliatoi sull'1-0 a Crotone, decide un gol di Luca Rigoni. Netto dominio della squadra guidata da Ballardini, per la prima volta in panchina quest'anno con i Grifoni. Lo stesso Rigoni e Rosi hanno avuto l'opportunità di raddoppiare.

31' Genoa vicinissimo al raddoppio

Pimpante e rinvigorito il Genoa sta dominando in casa del Crotone. La corsia di destra è un'arma preziosa per i ‘Grifoni' che hanno avuto due grosse chance. Il 2-0 è stato mancato sia da Rigoni, autore del gol che per ora decide l'incontro, sia da Rosi. Taarabt in grande spolvero.

11' Rigoni, 1-0 del Genoa al Crotone

L'effetto Ballardini si fa subito sentire. All'11 il Genoa passa in vantaggio in casa del Crotone. Splendido cross dalla sinistra di Laxalt e colpo di testa vincente di Luca Rigoni, inseritosi in modo perfetto. Crotone 0 Genoa 1.

 

1' Inizia Crotone-Genoa

Il Crotone dà il via al match con il Genoa. La squadra di Nicola ha sei punti in più in classifica ed ha vinto le ultime due partite di campionato. Ballardini torna ufficialmente sulla panchina dei rossoblu, non ha cambiato modulo il tecnico emiliano che gioca con il 3-5-1-1.

Così in campo Crotone-Genoa, le formazioni: fuori Rohden e Lapadula

Si gioca In campo Juve e Inter

Nel pomeriggio il match principale è Sampdoria-Juventus. La squadra di Giampaolo è sesta in classifica, sta giocando un calcio splendido e sembra un avversario molto duro per i bianconeri, che però hanno un Higuain in grande spolvero e che sperano di ritrovare i gol di Dybala (a segno solo una volta nelle ultime otto partite).

La Fiorentina gioca in casa della Spal, mentre il Torino ospita il Chievo. Il Benevento invece cerca di chiudere la striscia di dodici sconfitte consecutive. I campani ospitano il Sassuolo, Bucchi si gioca la panchina. Mentre alla ‘Dacia Arena' c'è Udinese-Cagliari. Il posticipo è Inter-Atalanta, domani Verona-Bologna.

Anticipi 3 punti per Roma e Napoli. All’ora di pranzo torna Ballardini

La Serie A è ripartita con i successi, convincenti, della Roma e del Napoli. I giallorossi hanno vinto il derby per 2-1 (gol di Perotti su rigore, Nainggolan e Immobile su rigore). Con lo stesso punteggio la capolista ha battuto il Milan (gol di Insigne, Zielinski e Romagnoli). All'ora di pranzo si gioca una sfida salvezza tra il Crotone, che ha ottenuto due vittorie nelle ultime due partite, e il Genoa, che ripresenta in panchina Ballardini.