Catania-Inter

Incredibile vittoria dell'Inter in rimonta a Catania. Sotto di due gol i nerazzurri hanno ribaltato il risultato imponendosi per 3 a 2. Preziosi successi anche per la Fiorentina con il Chievo, per il Bologna contro il Cagliari e la Samp sul Parma. Si complica il discorso per la permanenza in Serie A per il Siena e il Pescara sconfitte in casa da Atalanta e Udinese.

Roma-Genoa 3-1 (16′ pt Totti rig., 42′ pt Borriello rig., 13′ st Romagnoli). Andreazzoli vince ancora. I giallorossi, all’Olimpico, hanno battuto il Genoa per 3-1. Al 16’ Francesco Totti, battendo dagli undici metri Frey, ha realizzato il 225esimo gol in Serie A. Il capitano della Roma ha raggiunto Nordhal. Il Genoa al 42’ ha raggiunto, con merito, il pareggio con Marco Borriello, che ha segnato su calcio di rigore. Al 13’ della ripresa Alessio Romagnoli, classe ’95, con un colpo di testa ha realizzato il primo gol in Serie A. I Grifoni, dopo l’espulsione di Kucka, si sono spenti ed hanno subito il gol di Perrotta all’89’. Ballardini perde la prima partita da tecnico rossoblu. Andreazzoli scavalca il Catania e resta in scia a Fiorentina e Inter.

Fiorentina-Chievo 2-1 (4′ pt Pasqual, 38′ pt Cofie) – Al 4° Pasqual con una punizione splendida dal limite dell'area porta in vantaggio i suoi.I viola controllano il match con i clivensi che provano ad affidarsi al contropiede. Al 36° brutta manata di Borja Valero a Rigoni non vista dall'arbitro. Pochi minuti dopo arriva il pareggio di Cofie che con un bel piattone non lascia spazio a Viviano. Al 14° della ripresa grande occasione per Paloschi che dopo aver rubato un pallone ai difensori avversari prova la conclusione con il pallone terminato alto. Montella cambia tutto e lancia Larrondo in campo per Jovetic. Al 14° nel frattempo Borja Valero sfiora il gol con un bel diagonale. Grande occasione per Toni al 24° che colpisce il palo con una bella deviazione. Al 33° la Fiorentina ritrova il vantaggio con Llarondo che di testa sfrutta un altro colpo di testa di Toni in posizione molto dubbia

Siena-Atalanta 0-1 (3′ pt, 22′ st  Bonaventura) – Al 3° minuto Atalanta in vantaggio con Bonaventura: gran destro da fuori del nerazzurro dopo una bella percussione. I padroni di casa provano a farsi vedere in avanti ma trovano prima un grande Consigli su Rosina, e poi l'imprecisione di Emeghara che da buona posizione calcia fuori. Al 41° nerazzurri vicinissimi al raddoppio con un bel colpo di testa di Lucchini che per poco non beffa Pegolo. Nella ripresa Iachini prova ad inserire un'altra punta con Bogdani al posto di Belmonte. Traversa di Denis al 3°: un tiro deviato dell'argentino colpisce il montante superiore. Al 10° della ripresa Lucchini anticipa Bogdani ad un metro dalla linea di porta avversaria. Al 22° della ripresa Bonaventura raddoppia: l'attaccante da buona posizione finta il cross e calcia battendo Pegolo

Catania-Inter 2-3 (6′ pt  Bergessio, 18′ pt Marchese, 6′ st Alvarez, 24′  e 47 ‘ st Palacio) – Al 6° incredibile errore di Juan Jesus che spiana la strada a Bergessio. Nel tentativo di far scorrere un pallone sul fondo il brasiliano perde il pallone, con l'argentino che gli ruba palla e batte Handanovic. L'Inter si affida a tentativi dalla distanza: Kuzmanovic ci prova al 17°, con il pallone che termina fuori di poco. Subito dopo arriva il raddoppio del Catania con Marchese che di testa castiga l'immobile difesa avversaria. Stramaccioni cambia con Stankovic e Palacio per Kuzmanovic e Rocchi, ma al 2° è Handanovic a salvare tutto a tu per tu con Bergessio. Al 6° della ripresa l'Inter accorcia le distanze con Alvarez che di testa sfrutta una bella iniziativa di Palacio. Nervi tesi in campo e giallo per Handanovic al 24 dopo una brutta reazione su Bergessio. Palacio gol al 24° della ripresa: bel colpo di testa dell'argentino che pareggia i conti. Al 28° proteste del Catania per una presunta trattenuta su Bergessio non segnalata però da Bergonzi. Doppio cambio al 35° con Cambiasso per Guarin e Almiron per Biagianti. Occasionissima Inter al 37°: prima Alvarez e poi Schelotto da posizione ottimale non trovano il gol anche grazie all' opposizione di Andujar. Ancora l'Inter vicinissima al terzo gol con Cambiasso che ha sfiorato il palo con un bel diagonale. Incredibile al Massimino con Palacio che con un tiro sporco da posizione ravvicinata, ribalta il risultato

Sampdoria-Parma 1-0 (13′ st Icardi) – Primo brivido al 23° con Biabiany che a tu per tu con Romero calcia alto da posizione ottimale. In avvio di ripresa clamorosa occasione per Costa e De Silvestri che a due passi da Mirante si disturbano sciupando una grande occasione. Icardi porta in vantaggio i suoi al 13°: brutta uscita di Mirante e l'argentino di testa beffa il portiere. Al 22° palo per il Parma con una deviazione di Palombo che per poco non beffa il suo portiere. Subito dopo ammonito Rosi.

Pescara-Udinese 0-1 (7′ pt Di Natale) – Al 7° minuto ospiti in vantaggio con il bomber partenopeo che da pochi passi sfrutta un bel cross per battere Pellizzoli. L'Udinese padrona del campo, sfiora il raddoppio al 26° con Muriel che colpisce un palo a colpo quasi sicuro. Al 36° un bel colpo di testa di Abbruscato finisce per lambire il palo. Al 5° della ripresa Bergodi manda in campo Sculli per Abbruscato. Proteste pescaresi al 20° per un fallo da rigore non segnalato con Bjarnason che trattenuto è caduto in area avversaria

Bologna-Cagliari 3-0 (4′ pt Taider, 18′ pt Diamanti) – Padroni di casa in vantaggio al 4° minuto con Taider che dopo una bella percussione scarica un tiro che s'insacca nel sette. Al 18° una prodezza di Diamanti regala il raddoppio ai suoi: fantastico tiro a giro dell'attaccante e Bologna sul 2 a 0. Al 12° della ripresa ospiti in 10 per l'espulsione di Pisano protagonista di una brutta entrata su Morleo. Al 32° della ripresa gran traversa di Sorensen che con un colpo di testa va vicinissimo al tris. Al 47° arriva il gran gol di Pasquato che con un tiro a giro firma il tris

Dopo il pareggio nel big match tra Napoli e Juventus,  la perentoria vittoria del Milan sulla Lazio, e lo 0 a 0 tra Torino e Palermo è tutto pronto per il pomeriggio domenicale del 26° turno di Serie A. In attesa del posticipo tra Genoa e Roma, occhi puntati sulla sfida tra Catania e Inter, interessante in ottica Champions League. I nerazzurri privi di Cassano dovranno fare i conti con la sorpresa stagionale rossoblu, in un match che promette spettacolo. La Fiorentina ospita il Chievo, mentre Bologna e Cagliari, protagoniste di un buon momento di forma, si affrontano nel derby rossoblu. Delicate sfide salvezza per il Pescara con l’Udinese e per il Siena con l’Atalanta. Da non perdere anche l’incrocio di Marassi tra una Samp in formissima e un Parma che non sa più vincere.