Quella “cazzimma” che secondo il presidente De Laurentiis era mancata nel match d’andata, ha permesso al Napoli di spaventare il Real Madrid almeno per un tempo. La squadra azzurra in vantaggio grazie a Mertens di una rete dopo i primi 45’ della sfida valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions, nella ripresa ha incassato il ritorno degli ospiti. Due gol su palle inattive, e il tris di Morata per sancire la conclusione dell’avventura europea della squadra di Sarri. Nel post-partita ai microfoni di Mediaset Premium capitan Hamsik ha comunque alzato la cresta per la doppia prestazione di un Napoli che ha dimostrato di potersela giocare anche con i campioni d’Europa: "Andiamo fuori a testa alta, perché abbiamo perso contro una delle migliori squadre del mondo”.

Sarà difficile metabolizzare la delusione per aver vanificato un grandissimo primo tempo, incassando due gol su calci piazzati evitabili con un pizzico di attenzione in più: "Peccato aver preso gol su due calci piazzati. Ma questa sera abbiamo visto che ci possiamo stare alla grande con i grandi, anche con i più grandi: questo ottavo di Champions sarà il nostro punto di partenza".

Il confronto con le merengues fa parte dunque del percorso di crescita di una squadra che punta ad un finale in crescendo. Hamsik infatti, archiviata l’Europa, è pronto a tornare a lottare in Serie A e in Coppa Italia dove gli azzurri dovranno rendersi protagonisti di un confronto a distanza con la Juventus: "Adesso ci concentriamo su campionato e Coppa Italia, competizione nella quale possiamo andare avanti. Da domani pensiamo al Crotone, che sarà una tappa fondamentale per il campionato. Sì, è stato un vero peccato".