Dopo il Barcellona, il ​​Real Madrid e l'Atlético Madrid, il Chelsea può essere il prossimo club dell'élite mondiale ad essere per aver acquistato in maniera non lecita dei giocatori minorenni. Secondo quanto riportato da Mediapart, uno dei media internazionali che ha pubblicato i documenti di Football Leaks, la FIFA ha proposto una sanzione per il club londinese di quattro finestre di trasferimento, ovvero due anni, senza acquistare giocatori. L'organo di governo del calcio mondiale indaga su 19 acquisti da parte dei Blues, di cui 14 sarebbero minori: il caso Chelsea è stato preso in consegna dal Dipartimento di integrità e conformità TMS, cioè il meccanismo di calcio che controlla i trasferimenti internazionali.

Tra gli acquisti finiti sotto investigazione c'è quello di Bertrand Traoré, ora calciatore dell'Olympique  Lione: l'attaccante del Burkina è arrivato a Stamford Bridge nel 2014 con 18 anni ma la FIFA ha dei documenti secondo cui sarebbero state effettaute delle manovre illecite. Nell'ottobre 2011, quando Traoré aveva ancora 16 anni, il giocatore avrebbe giocato una partita Under 18 contro l'Arsenal perché all'età di 15 anni il Chelsea lo avrebbe acquistato con una call option con la madre valida per quattro anni e mezzo (il limite per i minori, dice L'Equipe, è di tre anni) per 177.000 euro e altri 15.000 per il suo club di origine, l'AJE Bobo-Dioulasso. Secondo la FIFA iil Chelsea ha pagato il college in Inghilterra a Traoré, quando era minorenne e ha aiutato e facilitato l'inserimento della madre e del fratello.

La denuncia dell'Auxerre

I documenti di Football Leaks rivelano una denuncia da parte dell'Auxerre al Salisburgo per la firma di un giocatore franco-gabonese con meno di 16 anni. Nella giornata di lunedì il canale tv France 2 ha rivelato un'altra indagine sul PSG, per aver acquistato nel 2015 un minore proveniente dal Barcellona. Tralasciando Football Leaks, va ricordato che la FIFA sta indagando sui movimenti e trasferimenti illeciti di minori anche da parte del Manchester City.