Rocco Commisso a Firenze – Foto tratta da Twitter Fiorentina
in foto: Rocco Commisso a Firenze – Foto tratta da Twitter Fiorentina

A poche ore dal suo sbarco a Firenze, e dopo aver messo la sua firma sul contratto di acquisto delle quote di maggioranza del club viola, Rocco Commisso si è presentato nella prima conferenza stampa da nuovo proprietario della Fiorentina: "Solitamente nel mio lavoro le cose non sono così rapide come è successo per il passaggio della Fiorentina, ma abbiamo fatto un’offerta, è stata accettata e adesso siamo qua – ha spiegato il tycoon italo-americano – La volontà di tutti è stata quella di chiudere velocemente, adesso dobbiamo andare altrettanto velocemente. Il calcio mi ha dato tanto, è stato molto importante nella mia vita. Se non fosse per il calcio non sarei dove sono adesso, mi ha garantito una borsa di studio per l’università. Ho giocato, anche se non a livello professionistico perché non ero così bravo, ed ho pure allenato. Finalmente, grazie alla Fiorentina, posso dedicarmi alla mia passione".

Il progetto di Commisso

"L’accoglienza è stata inimmaginabile, indescrivibile. Sono orgoglioso di aver ricevuto il giglio dal Sindaco e di poter portare avanti questo progetto con la Fiorentina. A New York non mi riconosce nessuno, qui tutti. La prima offerta che ho fatto per la Fiorentina è del 2016, ma senza ricevere risposta. Stessa cosa nel 2017 – ha aggiunto – Dopo ho provato ad acquistare il Milan ma mr. Li non si è fatto più vedere. Ha perso tanti soldi in pochissimo tempo nel calcio. Il mio sogno? Ho 69 anni. Voglio fare qualcosa per lo stadio e certo non aspetterò 10 anni come è stato fatto da altre parti. Gli investimenti che facciamo sono intelligenti, non sono stupido. I soldi sono i miei".

Il caso Federico Chiesa

Tra gli argomenti trattati anche quello del possibile nuovo allenatore: "Ovviamente ancora non ho avuto tempo di parlare con Montella e Corvino. Resterò qua altri giorni proprio per affrontare queste situazioni, dovete darmi tempo. Questo però non vuol dire che tra 2-3 giorni avrò risolto tutto. Capisco la pressione, ma ci sono persone che hanno un contratto. Devo parlare con Montella ma al momento il tecnico è in India. Nella mia vita non ho mai licenziato nessuno. Il Financial fair play è un circolo vizioso. Senza introiti non prendi giocatori. Senza giocatori non fai introiti. Spero si possa cambiare e ci diano opportunità di investire. Sono qua per per imparare, ma tranquilli, sono un tipo che impara velocemente. Chiesa? La mia intenzione è quella di tenere Federico almeno per un anno, non farà la fine di Baggio. Mi hanno assicurato che al momento non c’è nessun accordo per la cessione del giocatore".