Il Bologna riesce a regalare a Mihajlovic quei tre punti sfuggiti a Verona (1-1 all'esordio con il tecnico presentatosi a sorpresa sulla panchina del Bentegodi), nonostante la superiorità numerica per oltre un'ora. Contro la Spal (il pari al Dall'Ara mancava dal 1956), nell'anticipo della 2a giornata di serie A, il risultato matura solo in extremis grazie al gol al 93′ di Soriano, bravo a rimediare a precedenti errori (anche una clamorosa traversa) sovrastando di testa i difensori spallini sull'ottimo cross di Orsolini.

Proprio l'ex giocatore dell'Ascoli, lanciato definitivamente da Mihajlovic sul finire dello scorso anno (e ripagato con 8 gol e 5 assist), è la vera spina nel fianco per la difesa avversaria. Dal suo piede partono le azioni più pericolose: dribbling, spunti, finte e ripartenze, passaggi filtranti, ma anche un paio di conclusioni che chiamano Berisha ad assoluti prodigi. Il portiere spallino è l'altro grande protagonista della gara con ottimi riflessi e interventi spesso al limite che "costringono" i pagellisti a decretarlo migliore in campo con voti tra il 7 e l'8. Meno impegnato il collega Skorupski che ha dovuto fare buona guardia solo contro Petagna e Kurtic. Andiamo, dunque, a dare un'occhiata più nel dettaglio alle prestazioni individuali del match attraverso il confronto delle pagelle di Gazzetta e Corriere dello Sport.

Bologna-Spal

Voti e pagelle

Bologna: Skorupski (6,5), Danilo (6,5), Denswil (6), Dijks (5,5), Tomiyasu (7), Dzemaili (6), Medel (6), Poli (7 dalla Gazza e 6 dal Corriere), Soriano (6,5 e 7), Destro (6), Orsolini (7), Sansone (6,5), Santander (6). Spal: Berisha (8 e 7), Cionek (5 e 5,5), Felipe (5,5 e 6,5), Igor Julio (5 e 5,5), Vicari (6,5), D'Alessandro (6,5), Kurtic (6 e 6,5), Missiroli (6,5), Valdifiori (6), Valoti (5,5 e 6), Di Francesco (6), Petagna (6).