Torna la serie A dopo la lunga pausa di inizio 2019 e con il calciomercato aperto sino al 31 gennaio è già il momento di tirare le fila degli affari completati. Molti volti nuovi esordiranno già nella 20a giornata in programma a partire da sabato, ma non tutti avranno le stesse prospettive e risultano per questo di interesse in chiave fantacalcio. È il caso quindi di passarli in rassegna per analizzare le chance di titolarità e l'appetibilità in sede di asta di riparazione.

Il Milan di Gattuso, che si appresta a perdere Higuain in direzione Chelsea, ha già messo in mostra il gioiello di questa finestra di mercato (in attesa di Piatek): Paquetà. Il brasiliano, che studia da Kakà, è sceso in campo in Coppa Italia e poi in Supercoppa Italiana dando mostra, tra una partita e l'altra, di un'interessante crescita sia sul piano tattico sia del contributo tecnico alla squadra. Contro la Juventus si è meritato voti ampiamente positivi e al fantacalcio potrebbe essere l'innesto buono per sostituire Calhanoglu, con il tedesco che alle prestazioni mediocri aggiunge la possibile partenza in direzione Bundesliga. Unica raccomandazione per il brasiliano: evitate di sopravvalutarlo.

Muriel fa già sognare la Viola

Un altro dei colpi a sensazione di questa tornata è il rientro di Luis Muriel in Italia dal Siviglia. Il colombiano alla Fiorentina può contare sull'ambiente ideale per rilanciarsi: giovane, dinamico e con partner in grado di esaltarne le caratteristiche di corsa, tecnica e abilità sotto porta (Chiesa in primis). Contro la Sampdoria dovrebbe iniziare in panchina, ma uno spezzone di match sembra assicurato. L'unica incognita nel suo caso riguarda il tempo che impiegherà per entrare in condizione, ma deve essere forzatamente un sorvegliato speciale per l'asta. Rischia, invece, di essere una "minestra riscaldata" poco efficace il ritorno di Manolo Gabbiadini alla Sampdoria. Fortemente voluto dai blucerchiati, fa ritorno dalla Premier League, dove negli ultimi tempi si era un po' perso nelle nebbie. Non è mai stato un bomber e rischia di essere chiuso dall'intesa di Quagliarella e Caprari.

Novità a Udine e Bologna

Due novità per parte per Udinese e Bologna. La squadra di Nicola si prepara a inserire in pianta stabile nella formazione titolare sia Zeegelaar sia Okaka. Il primo è un esterno di corsa che fa sicuramente al caso del 3-5-2 del tecnico friulano e non a caso sembra possa esordire da titolare già contro il Parma; il secondo inizierà in panchina ed è ancora alla ricerca della condizione migliore, dopo essere finito ai margini del Watford. Sulla valutazione dell'attaccante pesa il presupposto che non è mai stato un bomber e quindi al fantacalcio potrebbe tornare utile per il quinto o sesto slot. Discorso diverso per l'esterno che potrebbe tornare utile come scommessa low cost. A Bologna, invece, Soriano e Sansone hanno già esordito dando evidenza della possibilità di cambiare il volto ai felsinei, specie in previsione dei prossimi due match decisivi in chiave salvezza (contro Spal e Frosinone). Chiamate pressoché garantite e di sicuro rendimento anche al fantacalcio.

Gli altri: da Birsa a Valzania, sino a Viviano

Tra gli altri ritorni nel nostro campionato, si registra anche quello di Kucka al Parma. Giocatore polivalente e di rendimento, può tornare utile in caso di modificatore di centrocampo, vista la capacità di tenere costante il livello di prestazione. Alla Spal Viviano si prepara a soffiare il posto a Gomis, che dovrebbe comunque partire titolare contro il Bologna. Interessanti i cambi di maglia di Valzania, dall'Atalanta al Frosinone, e Birsa, dal Chievo al Cagliari. Il primo è un giovane su cui Gasperini sembra voler puntare per il futuro e potrebbe giocare un ruolo nella rincorsa salvezza dei ciociari. Da non escludere una chiamata per avere un titolare in più in mediana, a prezzi da discount. Birsa, invece, ritrova Maran e molti fantallenatori si augurano che possa tornare a fornire prestazioni all'altezza dopo la mediocrità vista nel girone di andata. Una scommessa si potrebbe pure fare.