La nazionale campione d'Europa non potrà fare affidamento su uno dei suoi calciatori più rappresentativi e di maggiore esperienza in occasione dei Mondiali 2018. Fabio Coentrão ha deciso a sorpresa di rinunciare a prendere parte al trofeo iridato con il suo Portogallo. Nessun infortunio per l'esterno di proprietà del Real Madrid e in prestito allo Sporting Lisbona che ha chiesto allo staff tecnico della rappresentativa lusitana di non essere convocato. Una decisione confermata attraverso un post pubblicato sui propri canali social, e in particolare su Facebook.

Fabio Coentrão ha chiesto al Portogallo di non essere convocato per i Mondiali 2018

Il classe 1988 che ha preso parte alle ultime due rassegne iridate con la sua nazionale ed è reduce dal trionfo agli Europei disputati in Francia ha comunicato in una nota pubblicata sul suo profilo Facebook la sua volontà di non partecipare ai Mondiali. Queste le sue parole: "La settimana scorsa, dopo numerose valutazioni, ho comunicato allo staff della nazionale che dopo un periodo molto stressante, non mi sento nelle condizioni necessarie per rappresentare la mia nazione in una competizione importante come i Mondiali. Non volterò mai le spalle al mio Paese e spero di poter rappresentare in futuro la nostra selezione. Fino ad allora, sono e sarò pronto a fare il tifo dall'esterno. A preso e buona fortuna ragazzi".

Perché Fabio Coentrão non vuole partecipare ai Mondiali con il Portogallo

Una scelta davvero sorprendente quella di Fabio Coentrão, considerando per esempio le lacrime dei tanti calciatori che a causa di un infortunio non potranno prendere parte a Russia 2018. Basti pensare a Dani Alves, o al francese Koscielny tanto per citarne due. Cosa c'è dunque dietro lo "stress" dell'esterno portoghese? Probabilmente un crollo psicologico che il ragazzo ha ostentato in diverse occasioni in stagione. Emblematico il doppio episodio andato in scena nei match contro il Vitoria Setúbal in campionato e l'Astana in Europa League. In entrambi i casi il giocatore si è reso protagonista di uno show dopo la sostituzione con tanto di reazione incomprensibile con lacrime e rabbia nei confronti di chi provava a calmarlo. Il motivo? Il non aver retto gli insulti dei tifosi avversari e l'atteggiamento duro dei calciatori fronteggiati in campo. Due situazioni normali per un calciatore della sua esperienza ma che a quanto pare hanno messo a nudo i limiti caratteriali di Coentrão, in un momento davvero no della sua carriera.