La preparazione estiva è una delle fasi più delicate e importanti della stagione sportiva. Iniziarla troppo presto può compromettere a tenuta fisica dei giocatori a fine campionato, mentre esagerare coi carichi di lavoro può portare a infortuni nelle prime uscite. Per questo motivo la Roma, che resta in attesa di capire se dovrà o meno disputare il turno preliminare di Europa League, ha deciso (dopo un confronto tra Fonscea, la direzione sportiva e il mangement del club giallorosso) di cancellare il ritiro estivo di Pinzolo previsto dal 29 giugno al 7 luglio.

La decisione della Roma di cancellare il ritiro

Il club giallorosso ha affidato a una nota ufficiale le spiegazioni sulla decisione di annullare il ritiro di Pinzolo. Il motivo principale è l'incertezza sulla data del primo impegno ufficiale della nuova stagione, dovuta all'attesa sulla decisione dell'Uefa di escludere o meno il Milan dalla prossima Europa League, scenario che permetterebbe alla Roma di evitare i preliminari previsti per il prossimo 25 luglio (ritorno il 1 agosto) ed accedere direttamente alla manifestazione, mandando il Torino a giocarsi la qualificazione per il torneo continentale.

Nella nota Guido Fienga, CEO del Club, spiega anche che l'obiettivo di questa scelta è quello di portare la squadra al miglior stato di forma possibile in vista della prossima stagione

Non è stato semplice prendere questa decisione – ha spiegato Fienga – ma a seguito di un confronto tra l’allenatore e lo staff dell’area sportiva è stata presa la decisione di posticipare l’inizio della preparazione per assicurarci che la squadra sia nel miglior stato di forma possibile in vista della nuova stagione. Comprendiamo il disagio arrecato ai tifosi che avevano già prenotato viaggio e alloggio a Pinzolo per seguirci durante il ritiro estivo e stiamo cercando la soluzione migliore che possa alleviare il dispiacere causato da questa comunicazione giunta in ritardo.

La delusione dei tifosi e le scuse del club

Non sono mancate le polemiche, soprattutto su Twitter, dove alcuni tifosi hanno espresso la loro delusione per questa decisione arrivata proprio a ridosso dell'inizio del ritiro (che sarebbe dovuto cominciare tra 3 giorni). Nonostante le continue grane societarie (non ultimi i casi De Rossi e Nzonzi), l'entusiasmo era alto tra i tifosi e la cancellazione del ritiro sembra averlo smorzato un po'. Il club si è scusato con i supporter che avrebbero voluto assistere agli allenamenti e anche con il Comune di Pinzolo "e con tutte le strutture che si erano preparate in tempi record ad accogliere la squadra e i suoi fan".

  • È stata anche creata una casella e-mail dedicata ai tifosi che vorranno mettersi in contatto con la società, in particolare quelli che dopo l'annuncio del ritiro avevano prenotato un soggiorno presso una struttura in Val Rendena, in una data compresa tra il 29 e il 7 luglio.