Ci siamo. Come per la Champions League anche l'Europa League entra nel vivo e, con i return match di questa sera, designa tutte le magnifiche otto che si contenderanno il trofeo da qui in avanti. Otto squadre di alto profilo (vedi il Chelsea, il Napoli, l’Arsenal o il Valencia) e, pure, pronte a darsi battaglia per arrivare a Baku e giocarsi il titolo. Prima però bisogna passare per i quarti di finale, in programma l'11 ed il 18 aprile, e per un sorteggio, che si tiene domani alle ore 13 a Nyon, non proprio facile. L’Inter, purtroppo, non ce l’ha fatta a rimpinguare il contingente italiano nel torneo con una cocente eliminazione patita nel duplice confronto col temibile Eintracht di Francoforte, imbattuto sin qui in campo internazionale. Il Napoli, invece, al netto del 3-1 subito a Salisburgo, è stato bravo a conservare l’ampio margine di vantaggio raccolto al ‘San Paolo’ tornando ai quarti della manifestazione a ben quattro anni di distanza dall'ultima volta. Insomma, l’Italia del pallone c’è anche in questa kermesse e se la vuole giocare fino alla fine. Contro chi? Scopriamolo insieme provando a leggere i possibili scenari dell’urna di Nyon.

Le qualificate ai quarti

Napoli, Eintracht Francoforte, Valencia, Chelsea, Arsenal, Benfica, Villarreal, Slavia Praga

  • Le date dei quarti di finale 11 aprile – andata; 18 aprile – ritorno.

Il sorteggio: nessuna testa di serie e possibilità di incroci fra squadre della stessa federazione

Come per gli ottavi di finale, anche per questo sorteggio non sono previste teste di serie. Del resto, trovarne qualcuna a questo punto pare piuttosto difficile. Sempre nel novero delle poche norme che regolamentano il sorteggio (eventuali restrizioni verranno annunciate prima della pesca domani a ora di pranzo), largo alla possibilità, per le squadre della stessa federazione, di scontrarsi liberamente. Evenienza che non può più capitare al Napoli, dopo l’eliminazione dell’Inter, ma che potrebbe materializzarsi per Chelsea e Arsenal e, con maggiori chance, per Valencia e Villarreal.

Tanti i pericoli per gli azzurri: Chelsea e Arsenal su tutte. Attenti allo Slavia

Restano in gioco otto squadre per un valore totale delle rispettive rose di oltre 3 miliardi di euro. E già questo dato, dovrebbe far capire a tutti la portata, il blasone e la qualità media delle superstiti di questa Europa League. Una, delle più avvincenti delle ultime stagioni. E, dunque, una delle più insidiose di sempre. Per il Napoli non sarà facile avere fortuna. Proprio perché le sette potenziali avversarie compongono una griglia dall’elevato coefficiente di difficoltà. Da evitare, Arsenal e Chelsea, prime della classe per talenti a disposizione e tradizione internazionale ma anche il Valencia in grado di qualificarsi in rimonta (1-1) allo scadere a Krasnodar col Kuban con una rete di Guedes che vale oro.

Tanto rispetto, e pure un pizzico di timore nei confronti dello Slavia Praga capace, contro il Siviglia specialista della coppa e con cinque trionfi in 14 anni, di conquistare ai supplementari, dopo 210′, 5 gol subiti e 6 a proprio favore, una impronosticabile qualificazione.

Con la maggiore voglia, dinamismo e forza fisica della rosa di Trpisovsky decisive ai fini del definitivo pass.

Stessa sorte toccata ma con i favori del pronostico al Benfica contro i tignosi croati della Dinamo Zagabria anche se i lusitani, al momento, sembrano un gradino sotto Arsenal, Chelsea e Valencia. A seguire, sulla stessa lunghezza d'onda e pericolosità dei portoghesi per un sorteggio non certo eccellente, ecco l’Eintracht di Francoforte che ha appena buttato fuori l’Inter. Mentre il Villarreal, pur carnefice dello Zenit di Semak, pare maggiormente alla portata dei campani per via del terzultimo posto, a +1 sul Celta Vigo, in campionato. Anche se, negli scontri a eliminazione diretta, il Submarino amarillo ha battuto due volte su due (2010/11, 2015/16) gli azzurri di Mazzarri prima e di Sarri poi.

  1. Avversarie al top Chelsea, Arsenal, Valencia
  2. Avversarie medio-alte Eintracht di Francoforte, Benfica
  3. Avversarie alla portata Slavia Praga, Villarreal