Le ultime indagini nel Canale della Manica confermerebbero il ritrovamento di parti dell'aereo precipitato nella notte del 21 gennaio, con destinazione Cardiff, sul quale volava il giocatore argentino Emiliano Sala. Dalle prime immagini che si sono riuscite a decifrare attraverso video ripresi sott'acqua, oltre a parte della fusoliera del Piper si intravvede anche un corpo.

Oltre ai rottami, la presenza di un corpo

Ovviamente non si è potuto ancora procedere con l'identificazione ma i video provenienti dal Robot subacqueo ROV con cui si stanno svolgendo le delicatissime indagini sul fondale della Manica, avrebbero confermato all'interno dei rottami del Piper di un corpo. Potrebbe trattarsi quello del pilota o di Emiliano Sala, unico passeggero del volo scomparso in mare nella notte del 21 gennaio scorso.

Le procedure sono condotte direttamente dalla "Air Accidents Investigation Branch", la struttura investigativa parte del Dipartimento dei Trasporti britannico che si è incaricata di ritrovare i resti del Piper e le persone che vi erano a bordo, tecnicamente ancora scomparse.

La nota ufficiale diffusa dalle autorità

Non ci sarebbero dubbi che i resti del velivolo corrispondano con quello dell'aereo coinvolto nel tragico incidente. L'AAIB ha dichiarato: "Basandosi sull'analisi del video ROV, gli investigatori dell'AAIB a bordo della nave hanno concluso che l'oggetto è un relitto dell'aereo Piper Malibu, registrazione N264DB. Il ROV ha effettuato un'ulteriore ricerca della zona durante la notte, ma non ha identificato ulteriori pezzi di relitto. Purtroppo, nelle riprese video del ROV, un occupante è visibile tra le macerie e l'AAIB sta ora valutando i prossimi passi, in consultazione con le famiglie del pilota, dei passeggeri e della polizia. L'immagine mostra il lato posteriore sinistro della fusoliera, inclusa la parte della registrazione dell'aeromobile".