Anno nuovo, problemi vecchi per il calcio italiano. E' iniziato male il programma degli ottavi di finale di Coppa Italia: in occasione della sfida tra la Lazio e il Novara, finita 4-1 per i padroni di casa, dal settore più caldo della tifoseria biancoceleste si sono levati cori antisemiti, a sfondo razzista, e contro i carabinieri. Un episodio che rappresenta un'altra pagina nera per il nostro calcio, e su cui la Digos di Roma sta già indagando, sfruttando anche le registrazioni delle telecamere, per arrivare ai responsabili.

Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Cosa è successo in Lazio-Novara, cori antisemiti, razzisti e contro la Polizia da curva Lazio

Nel corso della sfida Lazio-Novara, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia, cori antisemiti e a sfondo razzista si sono levati dalla curva nord laziale. In uno stadio tutt'altro che pieno (13mila i presenti) sono stati sentiti chiaramente cori beceri come "giallorosso ebreo" e "questa Roma qua sembra l'Africa", con tanto di riferimenti contro i carabinieri. Protagonista un gruppo ristretto di ultrà presente in curva, con eco evidente nel "semideserto" degli spalti dell'Olimpico. Si chiude dunque in malo modo una settimana iniziata già con gli scontri tra ultras Lazio e forze dell'ordine a Piazza della Libertà, in occasione della festa per il compleanno della Lazio. Senza dimenticare anche la diffusione di volantini antisemiti che prendevano di mira Lazio e Napoli, firmati da un sedicente gruppo di romanisti

Cori razzisti in Lazio-Novara, la Digos apre indagine. Al vaglio le telecamere dell'Olimpico

Una situazione inaccettabile che ha spinto gli agenti della Digos di Roma a prendere immediati provvedimenti. Partita infatti un'indagine per cercare di risalire ai responsabili dei cori antisemiti e a sfondo razzista intonati da alcuni tifosi oggi in curva nord all'Olimpico. La Digos per raggiungere il suo obiettivo sta vagliando anche le immagini registrate dalle telecamere presenti all'interno dello stadio Olimpico

.