In occasione della prossima edizione della Champions League, la Scala del calcio di Milano si colorerà interamente di nerazzurro. Oltre alla partecipazione dell'Inter di Antonio Conte, San Siro avrà infatti l'opportunità di vedere da vicino anche la sorprendente Atalanta di Giampiero Gasperini. Dopo la richiesta del club bergamasco, e la successiva risposta positiva della dirigenza interista, anche il Milan del presidente Scaroni ha infatti accettato di ospitare l'Atalanta nel proprio impianto per le prossime partite casalinghe del girone di Champions League della Dea.

A poche ore dalle critiche e dalle polemiche rilanciate sul web e sui social dalle tifoserie di Inter e Milan (per nulla disposte a "prestare" lo stadio Meazza all'Atalanta), è così arrivato il ringraziamento ufficiale da parte del presidente del club orobico: "Voglio ringraziare personalmente e a nome di tutta l’Atalanta Bergamasca Calcio le società calcistiche di Milano, F.C. Internazionale e A.C. Milan e le loro Proprietà per la prestigiosa opportunità concessaci".

L'emozione di Percassi

"Aver avuto la disponibilità dello Stadio ‘Giuseppe Meazza' in occasione della nostra prima storica partecipazione alla prossima edizione della Champions League – ha continuato Antonio Percassi, nella nota pubblicata sul sito ufficiale nerazzurro – ci riempie di gioia ed è motivo di grandissimo orgoglio. Poter giocare la Coppa più importante a San Siro rappresenta per l’Atalanta qualcosa di veramente storico. E lo faremo cercando di onorare al meglio in campo questa grande opportunità, ma soprattutto con enorme e sincero rispetto per le due Società e per le rispettive tifoserie che in questo stadio hanno saputo scrivere la storia del calcio italiano e mondiale".

"Un sentito ringraziamento da parte nostra è rivolto al Comune di Milano e al suo Sindaco Giuseppe Sala che con grande sportività hanno sposato immediatamente la nostra richiesta.
 Infine il nostro grazie è rivolto anche all’U.S. Sassuolo ed alla sua Proprietà oltre che alla città di Reggio Emilia: nelle ultime due stagioni ci hanno affiancato con amicizia garantendoci la possibilità di giocare l'Europa League al Mapei Stadium facendoci veramente sentire sempre come a casa nostra. Grazie di vero cuore".