Il grande giorno è arrivato. La Juventus torna in Champions League per affrontare il Tottenham e per provare a centrare i quarti di finale. La cavalcata verso Kiev (sede della finalissima) è ancora molto lunga ed è proprio per questo che Massimiliano Allegri vuol concentrarsi solo sul doppio confronto con gli Spurs: "Dovremo fare una partita attenta – ha esordito il mister bianconero, nella conferenza stampa della vigilia – L'obiettivo deve essere quello di non esaltare le loro qualità. Ci vorranno grande testa e grande tecnica. Bisogna portare il passaggio del turno a Londra, dove ci dovremo conquistare i quarti di finale. Non firmerei per lo 0-0, ma per non prendere gol. Il passaggio del turno si gioca su 180 minuti e conosciamo sia i loro pregi, sia le loro difficoltà nell'arco della partita".

Allegri gonfia il petto

Dopo aver ricordato il suo precedente in Champions con il Tottenham ("Mi eliminarono quando ero alla guida del Milan, per una palla persa a tre minuti dalla fine"), il tecnico campione d'Italia ha ricordato quanto la sua squadra sia cresciuta negli ultimi anni: "Ci saranno dei momenti difficili, i quattro davanti hanno grande qualità e negli spazi vanno a nozze. Servirà una partita di grande tecnica e attenzione, perché a livello fisico possiamo uscirne con le ossa rotte. La Juventus è però cresciuta tanto in autostima grazie ai risultati. Negli ultimi tre anni sono state conquistate due finali e in Champions solo il Real ha fatto meglio di noi".

La notte porta consiglio

"Con che giocatori e con che modulo affronterò il Tottenham? Dipenderà molto da come dormo e da come mi sveglierò domani mattina – ha scherzato Allegri – Tra Higuain e Kane mi tengo il "Pipita", anche se l'inglese sta facendo qualcosa di straordinario. Bentancur mi ha convinto, così come mi ha convinto Marchisio e Sturaro può ricoprire il ruolo di Matuidi. Queste partite di Champions si giocano con attenzione e con grande equilibrio. È difficile trovare una squadra che sovrasta l'altra, specialmente quando si equivalgono come Juve e Tottenham".