La pazienza è una virtù che i tifosi del Milan hanno imparato a "coltivare" nel corso di questi ultimi anni. Soprattutto in estate e in inverno, quando la società dovrebbe trovare i rinforzi adeguati per far uscire dall'oblio nel quale si è cacciato il club, da dopo l'ultimo scudetto targato Massimiliano Allegri. Le ultime notizie relative al mercato milanista, non sono però così confortanti per il popolo rossonero: passato dall'euforia di riabbracciare un campione come Ibrahimovic, alla possibile fredda accoglienza di giocatori dal curriculum meno importante dello svedese.

Dopo averci provato inutilmente con Luis Muriel, che pare destinato invece ad accettare le offerte della Fiorentina di Pantaleo Corvino, la dirigenza del Milan ha così ripiegato su Manolo Gabbiadini chiedendo al Southampton il prestito con diritto di riscatto del giocatore che viene valutato dagli inglesi tra i 12 e i 15 milioni di euro. L'ultima parola spetta però al giocatore, che non sembra più di tanto allettato dal partire in prestito e magari tornare in Premier League fra sei mesi. Per Gabbiadini sarebbe un ritorno in Italia, dopo le poche soddisfazioni colte con Sampdoria, Bologna, Napoli e Southampton e l'incredibile flop Mondiale con la Nazionale di Ventura.

Il ruolo di Gabbiadini e le alternative all'ex Napoli

Il futuro dell'ex attaccante della Nazionale, potrebbe infatti non essere così scontato ed il suo ritorno in Inghilterra a fine stagione è un'ipotesi più che plausibile: soprattutto in caso di fallimento del progetto rossonero. Il profilo di Gabbiadini è quello cercato da Gattuso (punta centrale, in grado di giocare anche seconda punta o esterno), ma il ventisettenne cresciuto nell'Atalanta è destinato a partire come terza punta dietro a Higuain e Cutrone: una prospettiva che potrebbe anche pesare sulla scelta del giocatore.

La battaglia con l'Uefa per il Fair Play Finanziario, non lascia però molto spazio al mercato di Leonardo e Maldini che dovrà essere a costo zero e di "opportunità". In attesa di novità per il centrocampo, secondo la Gazzetta dello Sport il Milan starebbe guardando anche a Marko Pjaca, Adem Ljajic e addirittura al possibile ritorno di Kevin-Prince Boateng: tutti giocatori che arriverebbero in prestito e che scalderebbero pochissimo la tifoseria di San Siro.