Il Real Madrid è a caccia di un attaccante. Dopo aver constatato il problema del reparto offensivo, che ha segnato la metà delle reti realizzate nella Liga dal Barcellona capolista, anche lo stesso Santiago Solari ne ha parlato con Florentino Perez in un vertice che è servito per preparare l'eventuale colpo di mercato. Tra i giocatori monitorati dalla dirigenza dei Blancos, c'è anche il bomber polacco Krzysztof Piatek: capace di sorprendere tutti con la maglia del Genoa.

Impossibilitato ad arrivare a Mauro Icardi (almeno per ora), il Real Madrid è dunque sulle tracce del giocatore di Prandelli: che verrà visionato dal vivo nelle prossime ore. In occasione della ritiro spagnolo del Grifone nella provincia di Murcia, alcuni emissari delle Merengue assisteranno infatti all'amichevole che il Genoa giocherà contro una squadra di terza divisione tedesca: il Wurzburger Kickers.

La valutazione di Preziosi

Piatek verrà dunque nuovamente analizzato e studiato dagli uomini di Florentino Perez, che al ritorno da Murcia prepareranno l'ennesima relazione dettagliata sulle qualità del polacco. Dall'Italia non arrivano intanto buone notizie per il presidente del Real. Enrico Preziosi ha già fissato il prezzo e non intende muoversi dalla cifra che ha in mente: tra i 50 e i 60 milioni di euro. Una valutazione molto lontana da quella fatta dagli spagnoli: pronti invece a versare poco più della metà.

Il patron del Genoa, in merito alla cessione del suo gioiello, è poi stato chiaro: "Piatek non si muove da qui prima di giugno". Un problema in più per il Real Madrid, che contava invece di mettere le mani sull'attaccante già nelle prossime settimane. Alla finestra, e in attesa di sviluppi, ci sono poi tutte le concorrenti italiane: l'Inter, la Juventus, il Milan e il Napoli, tutte a caccia del "pistolero" rossoblu.